Menu
 
Home Brand & Prodotti > Buoni e cattivi > Oakley/NewYork: un flagship con molta tecnologia ma con il prodotto al centro
Oakley/NewYork: un flagship con molta tecnologia ma con il prodotto al centro
09.10.2017
Autore
Luigi Rubinelli Direttore Responsabile
Il flagship di Oakley, brand del gruppo Luxottica, è impostato sia sul brand sia sulla spiegazione del prodotto. Il brand ha un posizionamento alto -come il prodotto-, i prezzi praticati da Oakley segmentano entrambi...

Oakley/NewYork: un flagship con molta tecnologia ma con il prodotto al centro

Settembre 2017.  Il flagship di Oakley, brand del gruppo Luxottica, è impostato sia sul brand sia sulla spiegazione del prodotto. Il brand ha un posizionamento alto -come il prodotto-, i prezzi praticati da Oakley segmentano entrambi.
 
Il layout è costruito a galleria, con una scenografia che parte dal soffitto. Con una progressione di immagini imponente, personalizza alcuni spazi di prodotto e di scoperta delle tecnologie utilizzate dal brand. È un po’ appesantito nella parte dedicata all’abbigliamento, dove l’eccessivo caricamento di prodotti sugli stender stride con le altre parti del flagship.
 
La didattica è molto importante: alcuni filmati tridimensionali permettono di capire con facilità la produzione del prodotto e di personalizzarlo a piacimento. Il personale supporta la visita e la scelta con discrezione.
 
Come ha dichiarato il presidente del gruppo, tutto il retail di Luxottica sarà oggetto di un profondo cambiamento, dove le app, internet e la comunicazione diretta giocheranno un ruolo di primo piano a partire dal 2018. Anche questo flagship sarà compreso nell’operazione poiché appare già datato, nonostante sia stato ristrutturato soltanto due anni fa. Questo la dice lunga sul ciclo di vita dei negozi, che si è progressivamente abbassato in tutti i segmenti del retail, fino a raggiungere uno o al massimo due anni di attività prima che sia necessario cambiarli.
 
Rispetto al flagship di Milano in p.le Cadorna, il flagship di New York presenta alcune tecnologie di approccio al prodotto diverse e più intriganti.
 
La sostenibilità di Oakley/NewYork
Coerenza fra il posizionamento e la sua realtà   4
Distintività e rilevanza versus i competitor   3
Rapporto experience-prezzo   3
Sostenibilità   3
Attenzione alle nuove tecnologie e all’innovazione     4
Attenzione ai Millennials   3
Attenzione ai senior   3
Creazione di una community   3
Trasparenza   3
 
Scala di valori da 1 a 5, 1 basso, 5 elevato
 
 
 
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



0 Commenti
Non sono presenti commenti
Ultimo sondaggio 01.10.2017
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

NorthFace/NewYork: un flagship per aderire al brand
Buoni e cattivi
NorthFace/NewYork: un flagship per aderire al...
In una posizione particolarmente visibile, anche NorthFace ha il suo bravo flagship sulla 5th...
di Luigi Rubinelli
03.10.2017
Toms/NewYork: l’evoluzione del commercio tradizionale
Buoni e cattivi
Toms/NewYork: l’evoluzione del commercio...
Se volete capire cosa può fare un negozio tradizionale per evolversi e stare al passo con l...
di Luigi Rubinelli
26.09.2017
Microsoft/NewYork: didattica, scoperta, loyalty
Buoni e cattivi
Microsoft/NewYork: didattica, scoperta, loyalty
Il flagship di Microsoft sulla 5th Ave a NewYork si sviluppa su più livelli. Il flagship, come...
di Luigi Rubinelli
20.09.2017
Patagonia/NewYork: alla fine del prodotto c’è la riparazione garantita
Tutti i canali di vendita
Patagonia/NewYork: alla fine del prodotto c’è...
Questa nuova iniziativa di Patagonia (brand insuperabile dell’outdoor e dell&rsquo...
di Luigi Rubinelli
28.08.2017
Custom Apparel/NewYork: il sarto con l’algoritmo
Tutti i canali di vendita
Custom Apparel/NewYork: il sarto con l...
Si fa un gran parlare dell’e-commerce che sta sostituendo i negozi e si servizi...
di Antonio Esposito
13.08.2017
 Nike/NewYork: come scrivere le directory per funzione d’uso e parlare cliente
Tutti i canali di vendita
Nike/NewYork: come scrivere le directory per...
L’esempio che RetailWatch è in grado di commentare è stato osservato nel flagship di...
di Luigi Rubinelli
05.07.2017
Custom Apparel/NewYork: il sarto con l’algoritmo
Tutti i canali di vendita
Custom Apparel/NewYork: il sarto con l...
Si fa un gran parlare dell’e-commerce che sta sostituendo i negozi e si servizi...
di Antonio Esposito
29.06.2017
Patagonia/NewYork: alla fine del prodotto c’è la riparazione garantita
Tutti i canali di vendita
Patagonia/NewYork: alla fine del prodotto c’è...
Questa nuova iniziativa di Patagonia (brand insuperabile dell’outdoor e dell&rsquo...
di Luigi Rubinelli
20.06.2017
Cover degli smartphone? 24/7 nella distribuzione automatica Best Buy-NewYork
Analisi dei prodotti
Cover degli smartphone? 24/7 nella...
Le vendite delle protezioni per i mobile phone sono esplose da qualche anno. Originali, copie,...
di Giovanni Esposito
19.05.2017
Creamline/NewYork: dal cappuccino all’hamburger. Si può?
Buoni e cattivi
Creamline/NewYork: dal cappuccino all’hamburger...
Creamline (due ristoranti a Chelsea e sulla 7a Ave) e il suo modello di business e di servizio...
di Eros Casula
22.04.2017
Converse-NewYork: riscritto il flagship, con più informazioni e scelta
Tutti i canali di vendita
Converse-NewYork: riscritto il flagship, con...
RetailWatch aveva già visitato il flagship di Converse a New York. Due livelli sulla Broadway,...
di Luigi Rubinelli
12.04.2017
LeDistrict/NewYork: un inno alla francesità
In primo piano
LeDistrict/NewYork: un inno alla francesità
A dispetto delle origini del proprietario, americano, LeDistrict è un concept di...
di Luigi Rubinelli
05.04.2017
LOADING