Menu
 
Home Brand & Prodotti > Analisi dei prodotti > WholeFood-NewYork distingue l’olio per nazione di provenienza
WholeFood-NewYork distingue l’olio per nazione di provenienza
16.03.2017
Autore
Giovanni Esposito Ospite
In Italia gran parte dell’olio in vendita sui lineari della GDO proviene dalla Spagna e dal nord Africa, e se proviene dalla Spagna forse proviene ancora dal nord Africa La fotografia che RetailWatch vuole commentare è stata ripresa in uno dei tanti WholeFood di Manhattan a New York. WholeFood, come la business community sa bene, è leader nella vendita di prodotti biologici...


WholeFood-NewYork distingue l’olio per nazione di provenienza

Marzo 2017. In Italia gran parte dell’olio in vendita sui lineari della GDO proviene dalla Spagna e dal nord Africa, e se proviene dalla Spagna forse proviene ancora dal nord Africa
 
La fotografia che RetailWatch vuole commentare è stata ripresa in uno dei tanti WholeFood di Manhattan a New York. WholeFood, come la business community sa bene, è leader nella vendita di prodotti biologici.
 
Oltrechè essere leader nella vendita di bio è leader nella trasparenza.
 
Il caso dell’olio è emblematico.
 
Sul lineare compaiono oli di diverse origini e di prezzi differenti. Il retailer Usa divide in diverse fasce il suo assortimento: 365 la sua MDD di olio extra vergine, 365 la sua MDD biologica.
 
E poi compaiono, sempre nella MDD 365 l’olio greco e quello spagnolo, scritto bene in chiaro, in modo da non creare sovrapposizioni e confusioni.
 
Giovanni Zucchi le piace questa divisione?
 
A noi di RetailWatch si, e non poco, ma è impraticabile qui in Italia dove conta la promozione, il prezzo e poi il luogo di produzione. Nessuno è in grado o non vuole dire da dove viene l’olio venduto.
 
Ma è così impossibile auspicare un po’ di trasparenza?
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



0 Commenti
Non sono presenti commenti
Ultimo sondaggio 01.10.2017
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

Oakley/NewYork: un flagship con molta tecnologia ma con il prodotto al centro
Buoni e cattivi
Oakley/NewYork: un flagship con molta...
Il flagship di Oakley, brand del gruppo Luxottica, è impostato sia sul brand sia sulla...
di Luigi Rubinelli
09.10.2017
NorthFace/NewYork: un flagship per aderire al brand
Buoni e cattivi
NorthFace/NewYork: un flagship per aderire al...
In una posizione particolarmente visibile, anche NorthFace ha il suo bravo flagship sulla 5th...
di Luigi Rubinelli
03.10.2017
Toms/NewYork: l’evoluzione del commercio tradizionale
Buoni e cattivi
Toms/NewYork: l’evoluzione del commercio...
Se volete capire cosa può fare un negozio tradizionale per evolversi e stare al passo con l...
di Luigi Rubinelli
26.09.2017
Microsoft/NewYork: didattica, scoperta, loyalty
Buoni e cattivi
Microsoft/NewYork: didattica, scoperta, loyalty
Il flagship di Microsoft sulla 5th Ave a NewYork si sviluppa su più livelli. Il flagship, come...
di Luigi Rubinelli
20.09.2017
Patagonia/NewYork: alla fine del prodotto c’è la riparazione garantita
Tutti i canali di vendita
Patagonia/NewYork: alla fine del prodotto c’è...
Questa nuova iniziativa di Patagonia (brand insuperabile dell’outdoor e dell&rsquo...
di Luigi Rubinelli
28.08.2017
Custom Apparel/NewYork: il sarto con l’algoritmo
Tutti i canali di vendita
Custom Apparel/NewYork: il sarto con l...
Si fa un gran parlare dell’e-commerce che sta sostituendo i negozi e si servizi...
di Antonio Esposito
13.08.2017
 Nike/NewYork: come scrivere le directory per funzione d’uso e parlare cliente
Tutti i canali di vendita
Nike/NewYork: come scrivere le directory per...
L’esempio che RetailWatch è in grado di commentare è stato osservato nel flagship di...
di Luigi Rubinelli
05.07.2017
Custom Apparel/NewYork: il sarto con l’algoritmo
Tutti i canali di vendita
Custom Apparel/NewYork: il sarto con l...
Si fa un gran parlare dell’e-commerce che sta sostituendo i negozi e si servizi...
di Antonio Esposito
29.06.2017
Patagonia/NewYork: alla fine del prodotto c’è la riparazione garantita
Tutti i canali di vendita
Patagonia/NewYork: alla fine del prodotto c’è...
Questa nuova iniziativa di Patagonia (brand insuperabile dell’outdoor e dell&rsquo...
di Luigi Rubinelli
20.06.2017
Cover degli smartphone? 24/7 nella distribuzione automatica Best Buy-NewYork
Analisi dei prodotti
Cover degli smartphone? 24/7 nella...
Le vendite delle protezioni per i mobile phone sono esplose da qualche anno. Originali, copie,...
di Giovanni Esposito
19.05.2017
Creamline/NewYork: dal cappuccino all’hamburger. Si può?
Buoni e cattivi
Creamline/NewYork: dal cappuccino all’hamburger...
Creamline (due ristoranti a Chelsea e sulla 7a Ave) e il suo modello di business e di servizio...
di Eros Casula
22.04.2017
Converse-NewYork: riscritto il flagship, con più informazioni e scelta
Tutti i canali di vendita
Converse-NewYork: riscritto il flagship, con...
RetailWatch aveva già visitato il flagship di Converse a New York. Due livelli sulla Broadway,...
di Luigi Rubinelli
12.04.2017
LOADING