Menu
 
Home Consumatore > Tendenze > I prodotti della spesa fissa stanno cambiando i comportamenti di acquisto
I prodotti della spesa fissa stanno cambiando i comportamenti di acquisto
19.04.2017
Autore
Luigi Rubinelli Direttore Responsabile
Non si scrive abbastanza sui cambiamenti di acquisto in atto. La pubblicistica si spense sui comportamenti di consumo, anch’essi in forte accelerazione, ma molti si dimenticano che stanno entrando nuove utilities che contribuiscono ai cambiamenti di acquisto e, una volta variati i giochi cambiano, sia per l’IDM sia per la GDO...


I prodotti della spesa fissa stanno cambiando i comportamenti di acquisto


Aprile 2017. Non si scrive abbastanza sui cambiamenti di acquisto in atto. La pubblicistica si spense sui comportamenti di consumo, anch’essi in forte accelerazione, ma molti si dimenticano che stanno entrando nuove utilities che contribuiscono ai cambiamenti di acquisto e, una volta variati i giochi cambiano, sia per l’IDM sia per la GDO.
 
Vediamo alcuni.
 
Amazon Echo permette di eseguire un ordine di acquisto via voce, del tipo: birra 7 luppoli di Carlsberg cluster da 3, oppure capsule Illy rosse confezione da 12. Il messaggio, via internet, arriva al provider, in questo caso Amazon che appronta l’ordine.
 
Amazon DashButton facilita il riordino dei prodotti che hanno un utilizzo fisso, detersivo o caffè che sia. Ormai sono centinaia i brand che hanno il loro button sul frigorifero o la lavatrice di casa, basta schiacciare il tasto una o due volte, a seconda della velocità di consegna e l’acquisto è fatto.
 
Amazon Alexa, è di fatto un piccolo robot che si collega a internet e a seconda della domanda eroga informazioni le più svariate, dal meteo al cinema. È ancora in fase di collaudo e deve costruire il vocabolario delle domande e pensare ancor più alle risposte, ma già funziona.
 
OK Google, è il competitore di Alexa, il funzionamento e il servizio sono identici, può essere usato, come suo fratello per diagnosticare gli apparati di domotica.
 
I robot Watson o Pepper di IBM svolgono di fatto la stesa funzione, erogano informazioni. Costa Crociere lo ha già sperimentato. Il loro limite sta nel vocabolario che deve continuamente arricchirsi e nell’accettare domande non poste correttamente o con accento dialettale spiccato, comparando le onde vocali via internet, un lavoro impossibile e complicatissimo, ma è solo questione di tempo.
 
Sono tutte utility che stanno cambiando radicalmente i nostri comportamenti di vita e di acquisto, difficile affrontare questi argomenti sul piano dell’etica e delle sue variazioni. Fanno parte comunque di quel gigantesco apparato che va sotto il nome di cambiamento, sempre più accelerato e a volte poco palpabile, ma che è in atto.
 
Francamente dove ci porterà, nessun lo sa.
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



1 Commenti
Daniele Tirelli
Posso dire che tutte queste cose non mi entusiasmano come osservatore del retail del presente e del futuro? Posso dire che vedo troppo entusiasmo per le "technological wonders" e grande superficialità rispetto ai piccoli dettagli del retail (chiamiamolo) classico?
Ho ricordato (unico? per primo?) al nostro recente convegno "Supermarket 2020" che quest'anno ricorrono i 100 anni dall'invenzione del libero servizio, i 90 da quella del supermercato e i 60 da quella del primo supermercato in Italia. Nel frattempo sono cambiati i mezzi di trasporto, le telecomunicazioni, gli armamenti, i farmaci, ... i costumi, ma la logica sottostante il supermercato è rimasta saldamente in uso.
La ragione è che dietro ogni tecnologia si cela sempre una ristrutturazione del lavoro umano e dei suoi prodotti.
Se i servizi e le merci restano fisiche il lavoro umano deve combinarsi ad esse per produrre valore. Sono 100 anni che qualcuno prova a sostituire i camerieri nei ristoranti e altrettanti per sostituire gli insegnanti e i magazzinieri e i parrucchieri.
Nel campo del grocery sembra ci si dimentichi che l'efficienza viene dalla codifica e dalla logistica e non dall'interfaccia con il cliente.
Certo si possono dematerializzare i libri e i biglietti del treno e del cinema e ci si può avvalere delle meraviglie online.
Tuttavia, con tutti i bottoni e i vari mezzi di interfacciamento qualcuno che fisicamente ordini, prelevi e porti piccole quantità (in modo caotico) a milioni di persone nell'universo spazio-temporale è comunque necessario. Ci dimentichiamo che il retail è negli USA il secondo settore come impiego di forza lavoro dopo l'apparato pubblico?
20/04/2017 9.31.05
 
Ultimo sondaggio 01.10.2017
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

I brand dell’IDM/Centromarca oltre il 2% a valore
Analisi dei prodotti
I brand dell’IDM/Centromarca oltre il 2% a...
L’industria di marca associate in Centromarca festeggia un buon 2017. Guardate questa...
di Eros Casula
28.09.2017
IDM vs MDD: il caso dello scaffale dei legumi
Analisi di branding
IDM vs MDD: il caso dello scaffale dei legumi
I legumi: l’alimento che, insieme ai cereali, godrà di maggiore successo nel prossimo...
di Silvia Barbieri
19.09.2017
Perché gli assortimenti nella GDO stanno aumentando?
Ricerche
Perché gli assortimenti nella GDO stanno...
Dice Nielsen che dopo il 2012 e il 2013, quando era sostanzialmente stabile il numero medio di...
di Luigi Rubinelli
25.08.2017
Cara GDO, dice il consumatore, la spesa non è poi tanto gratificante
Ricerche
Cara GDO, dice il consumatore, la spesa non è...
Per i Brand Fan e gli Esperti la spesa al supermercato è una gioia ed è gratificante, ma per...
di Luigi Rubinelli
15.08.2017
MDD o IDM? Quel che conta è lo scaffale e i bisogni
Analisi di branding
MDD o IDM? Quel che conta è lo scaffale e i...
Oggi sono due le voci che si confrontano sulle dinamiche competitive tra marca commerciale e...
di Silvia Barbieri
14.08.2017
IDM versus MDD: chi vince, chi perde e perché
Analisi dei prodotti
IDM versus MDD: chi vince, chi perde e perché
A guardare la tabella qui sotto, che RetailWatch è in grado di commentare, i numeri esprimono...
di Luigi Rubinelli
02.08.2017
Il retail britannico assediato dal discount fa cambiare i rapporti IDM-GDO
Analisi dei prodotti
Il retail britannico assediato dal discount fa...
Il retail storico della Gran Bretagna è sotto assedio del discount. Aldi e Lidl hanno proposto...
di Luigi Rubinelli
26.07.2017
Perché gli assortimenti nella GDO stanno aumentando?
Ricerche
Perché gli assortimenti nella GDO stanno...
Dice Nielsen che dopo il 2012 e il 2013, quando era sostanzialmente stabile il numero medio di...
di Luigi Rubinelli
23.07.2017
GDO versus GSS. Chi vince e chi perde e perchè?
Ricerche
GDO versus GSS. Chi vince e chi perde e perchè?
Il gap assortimentale fra le insegne della GDO e le insegne delle GSS, i category killer, sono...
di Luigi Rubinelli
22.07.2017
Rapporti IDM-GDO: promozioni negative, meglio mettere mano al pdv
Ricerche
Rapporti IDM-GDO: promozioni negative, meglio...
In un recente studio Nielsen spiega che la pressione promozionale all’inizio del 2017 è...
di Luigi Rubinelli
19.07.2017
Pressione promozionale IDM versus MDD: forse è il caso dell’EDLP
Merchandising & Promozioni
Pressione promozionale IDM versus MDD: forse è...
Sia Nielsen sia IRi dicono che la pressione promozionale nel grocery nel 2016 sta diminuendo. In...
di Giovanni Esposito
19.07.2017
 Il prezzo della marca del distributore, MDD versus l’IDM, è giusto?
Analisi dei prodotti
Il prezzo della marca del distributore, MDD...
La tabella che RetailWatch pubblica oggi spiega che c’è qualche problema nel...
di Luigi Rubinelli
17.07.2017
LOADING