Menu
 
Home Retail > Ricerche > Amazon ha già uno zoccolo duro del 21% di clienti fedeli
Amazon ha già uno zoccolo duro del 21% di clienti fedeli
20.04.2017
Autore
Luigi Rubinelli Direttore Responsabile
Amazon di qui, Amazon di là, Amazon di giù, Amazon di su. Diciamoci la verità, siamo ammalati Amazon e del suo savoir faire che si sta trasformando in faire savoir, come il retail sa bene. Nato nella vendita dei libri, tagliando i prezzi oltre legem, comprandoli dove maggiormente conviene, per lui e per l’acquirente, ha messo assieme in qualche decennio una expertise che gli ha permesso di allargare...


Amazon ha già uno zoccolo duro del 21% di clienti fedeli


Aprile 2017. Amazon di qui, Amazon di là, Amazon di giù, Amazon di su. Diciamoci la verità, siamo ammalati Amazon e del suo savoir faire che si sta trasformando in faire savoir, come il retail sa bene.
 
Nato nella vendita dei libri, tagliando i prezzi oltre legem, comprandoli dove maggiormente conviene, per lui e per l’acquirente, ha messo assieme in qualche decennio una expertise che gli ha permesso di allargare enormemente il suo portafoglio categorie-prodotti, fino ai servizi, passando al B2B e ultimamente divenendo addirittura un retailer fisico. Sono sempre stato impressionato dalla possibilità di scrivere una recensione negativa su un libro in vendita, magari anche con espressioni crude, e vedere che vengono pubblicate. È come se andassimo alla Mondadori e scrivessimo su un post che quel libro acquistato non vale la pena, incollassimo il post sul lineare corrispondente, sicuri che nessuno lo toglierebbe. Impossibile.
 
Una recente ricerca ci dice qualcosa di più sulle abitudini di acquisto in Amazon.
 

 
Fonte: Total Retail 2017, PWC
 
Il primo dato che balza all’occhio è quel 21% che dichiara “Faccio acquisti solo su Amazon”. Ma anche le ultime due righe, perché di fatto escludono acquisti in altri retailer sia fisici sia on line. È lo zoccolo duro dei fedeli del retailer americano. Laicamente un 10% sostiene che pur visitando Amazon non si fa di certo influenzare. Una forma di tasso di conversion fra chi inizia la ricerca su Amazon (42%) e chi effettua poi acquisti (21%) vede una riduzione della metà dei comportamenti. Si sa, siamo nell’epoca del over offerta e la possibilità di acquistare in ogni dove.
 
L’opzione più seguita è la comparazione di prezzi su Amazon, il 48%, dalla quale poi nascono comportamenti di tutti i tipi, fra i quali la rinuncia ad acquistare altrove, on e off line.
 
La domanda allora è: quando Amazon raggiungerà la maturità?
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



0 Commenti
Non sono presenti commenti
Ultimo sondaggio 26.04.2017
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

Tutti, ma proprio tutti, i dati di bilancio 2016 di Amazon
Ricerche
Tutti, ma proprio tutti, i dati di bilancio...
Tutti conoscono e usano Amazon, con questo articolo cercheremo di rispondere alle domande...
di Igino Colella
10.05.2017
Anche nel retail prima viene il rispetto e l’amore: il caso Francia
Ricerche
Anche nel retail prima viene il rispetto e l...
Toh!, finalmente una bella matrice con nomi e cognomi. Contrariamente a molti convegni dove al...
di Luigi Rubinelli
21.04.2017
Amazon introduce in Italia Amazon Pay e chiude il cerchio
In primo piano
Amazon introduce in Italia Amazon Pay e chiude...
Amazon ha annunciato oggi il lancio di Amazon Pay in Italia: viene così offerta ai clienti...
di Eros Casula
18.04.2017
Perché negli Usa resiste nel food il negozio fisico
Ricerche
Perché negli Usa resiste nel food il negozio...
Amazon e gli e-tailer crescono e cresceranno sempre più in tutti i canali di vendita degli Usa...
di Giovanni Esposito
15.04.2017
Come si fa ad operare nell’era di Amazon con lo 0,3% di utile netto?
Ricerche
Come si fa ad operare nell’era di Amazon con lo...
È vero, lo ammettiamo, questo articolo è una provocazione. Però lasciatecela fare, suvvia. Ci...
di Luigi Rubinelli
11.04.2017
Perché negli Usa resiste nel food il negozio fisico
Ricerche
Perché negli Usa resiste nel food il negozio...
Amazon e gli e-tailer crescono e cresceranno sempre più in tutti i canali di vendita degli Usa...
di Giovanni Esposito
08.03.2017
Giuseppe Caprotti: i numeri di Amazon e l’evoluzione dell’e-commerce
In primo piano
Giuseppe Caprotti: i numeri di Amazon e l...
Giuseppe Caprotti è un imprenditore italiano, già AD di Esselunga, figlio di Bernardo Caprotti...
di Luigi Rubinelli
08.03.2017
Santambrogio-GruppoVégé: Amazon ci costringe a cambiare i rapporti IDM-GDO
In primo piano
Santambrogio-GruppoVégé: Amazon ci costringe a...
RetailWatch ha lanciato nel mese di febbraio un sondaggio sugli attuali contratti GDO-IDM...
di Luigi Rubinelli
01.03.2017
Amazon testa anche il click&collect. Multicanalità first
In primo piano
Amazon testa anche il click&collect...
Secondo la stampa americana Amazon aprirà a Seattle (sede del quartier generale, di AmazonGo e...
di Luigi Rubinelli
01.03.2017
Amazon da 7.000 a 50.000 referenze nell’e-grocer
Ricerche
Amazon da 7.000 a 50.000 referenze nell’e...
Il 2017 sarà l’anno in cui il Grocery online finalmente supererà la soglia dell’1%...
di Eros Casula
04.02.2017
La contrattazione Amazon vs la contrattazione GDO. Come finirà?
Ricerche
La contrattazione Amazon vs la contrattazione...
Amazon Media Group è il motore dei rapporti fra i suoi fornitori dell’IDM (ma anche...
di Luigi Rubinelli
25.01.2017
Supermercato dell’efficienza: senza casse o altro?
Tendenze
Supermercato dell’efficienza: senza casse o...
L’interesse della comunità del retail per AmazonGo ha al centro, oltre agli algoritmi...
di Luigi Rubinelli
23.01.2017
LOADING