Menu
 
Home Retail > Ricerche > Vino GDO-IDM/Vinitaly: dalla guerra dei prezzi alla guerra del valore
Vino GDO-IDM/Vinitaly: dalla guerra dei prezzi alla guerra del valore
13.04.2017
Autore
Luigi Rubinelli Direttore Responsabile
Gli italiani comprano il vino soprattutto nei supermercati: nel 2016 hanno acquistato sugli scaffali 500 milioni di litri, spendendo 1 miliardo e mezzo di euro. E il 60% di questi acquisti è rappresentato dai vini con riferimento territoriale (Docg, Doc, Igt), il comparto che cresce di più: + 2,7% nel 2016 e + 4,9% nel primo bimestre 2017 (a volume). Si ricercano sempre più la qualità ed i legami col...

Vino GDO-IDM/Vinitaly: dalla guerra dei prezzi alla guerra del valore

Aprile 2017. Gli italiani comprano il vino soprattutto nei supermercati: nel 2016 hanno acquistato sugli scaffali 500 milioni di litri, spendendo 1 miliardo e mezzo di euro. E il 60% di questi acquisti è rappresentato dai vini con riferimento territoriale (Docg, Doc, Igt), il comparto che cresce di più: + 2,7% nel 2016 e + 4,9% nel primo bimestre 2017 (a volume). Si ricercano sempre più la qualità ed i legami col territorio. Cantine e insegne della Grande distribuzione sono pronte a migliorare la collaborazione per soddisfare questa domanda dei consumatori.
 
E’ quanto emerso a Vinitaly nel corso della 13° tavola rotonda organizzata da Veronafiere sul tema del vino nella Grande distribuzione in cui è stata presentata la ricerca dell’istituto IRI e una relazione su Brexit e Vino di Alex Canneti, Direttore delle vendite off-trade della Berkmann Wine Cellars di Londra.
 

 
La ricerca di IRi
La ricerca dell’IRI ha delineato i cambiamenti in atto nelle abitudini dei consumatori. Diminuiscono gli acquisti dei bottiglioni da un litro e mezzo, dei vini sfusi, delle damigiane, e dei brik, mentre la bottiglia da 75cl è sempre più regina del mercato. I vini fermi sono più richiesti dei vini frizzanti, che probabilmente risentono del boom degli spumanti (+7% nel 2016). Crescono rapidamente anche i vini biologici, una proposta ancora di nicchia nella Grande distribuzione. Cambiamenti influenzati anche dal graduale ricambio generazionale e dal rinnovato interesse dei giovani per il vino. Gli studi IRI sul comportamento dei consumatori nella Grande distribuzione evidenziano che l’86% di essi è propenso a sperimentare nuovi prodotti, si informa sulle novità a scaffale, spesso sui siti web di settore (il 33%).
 
“Siamo sulla strada giusta, auspicata da tempo – ha detto Cesare Cecchi, Consigliere di Federvini (Chianti Cecchi), nel suo intervento in tavola rotonda - Non dobbiamo assolutamente tradire questa qualità che viene cercata dal consumatore, sarebbe un errore imperdonabile. Le cantine devono continuare a ricercare la qualità del prodotto senza accettare scorciatoie, e i distributori devono incoraggiare la produzione a proseguire su questa strada”.
 

 
Francesco Avanzini, direttore commerciale di Conad, ha spiegato il progetto di marketing del vino, che con propri marchi esclusivi (quindi non di insegna) ha raggiunto ormai una incidenza sul totale delle vendite del 20%. Alla base del progetto c’è la volontà di innalzare la qualità, fidelizzando la clientela. Sono state contattate cantine e aziende che hanno fornito un prodotto distintivo con una storia da raccontare.
 

 
Un rapporto, quello tra produttori e distributori, che è molto migliorato negli ultimi anni, ma è possibile fare di più, come ha ricordato Gabriele Nicotra, Direttore Acquisti Unes Supermercati (Gruppo Finiper): “Persiste da parte di alcune cantine importanti una diffidenza verso la Grande Distribuzione, che evitano una relazione diretta con le insegne distributive pur sapendo che a volte il loro prodotto ci arriva tramite canali non ufficiali. Questo è un peccato, soprattutto per il consumatore che ormai cerca anche i prodotti di pregio sugli scaffali dei supermercati”.
 

 
Tuttavia l’asse portante della collaborazione tra cantine e insegne distributive è rappresentato dalle imprese medie piuttosto che dalle grandi case vinicole, secondo Eugenio Gamboni, Direttore Commerciale del Gruppo Vegè“Un asse da consolidare, composto prevalentemente da piccole e medie imprese, legate da conduzioni famigliari, a volte provenienti da generazioni, con le quali si discute e ci si confronta liberamente, distanti dal mondo molto più complesso della grande industria e delle multinazionali”.
 
Si è dichiarato ottimista il Consigliere dell’Unione Italiana Vini, Emilio Pedron (Bertani Domains): Negli anni di grande crescita, la proposta d’acquisto nella GDO è stata più facile e legata molto alla convenienza. Oggi anche il vino nel canale moderno si può definire un prodotto maturo e l’acquisto del vino nella GDO è lo specchio fedele del mutamento dei consumatori e dei loro stili di acquisto. Di più: le differenze fra horeca e GDO si stanno assottigliando, creando nuovi mercati di sbocco”.
 

 
Vincenzo Tassinari, presidente di Fattorie del Cerro, ha ricordato che bisogna invertire il sentiment commerciale IDM-GDO  passare dalla guerra dei prezzi alla guerra del valore. Se si mette al centro il consumatore si possono normalizzare i rapporti commerciali fra produttori e distributori e per una politica win win, dove tutti vincono. RetailWatch ha poi voluto chiedere a Tassinari se si trova meglio nel grembiule di produttore piuttosto che nell’ex grembiule di distributore. Ascoltate la sua risposta.


 
Cosa succederà in UK con la Brexit
Tra le cantine espositrici a Vinitaly è affiorata la preoccupazione sulla incertezza sui mercati britannico e statunitense, un tema affrontato da Alex Canneti della Berkmann Wine Cellars di Londra“La Brexit è una sfida per le vendite dei vini italiani poiché l’Australia, il Sud Africa e la Nuova Zelanda saranno i primi Paesi a istituire trattati bilaterali con il Regno Unito. L'unica soluzione a questa minaccia è consentire al Regno Unito un periodo di 10 anni per condividere gli stessi oneri doganali dell’Unione e negoziare un trattato di libero commercio. Quindi tutto dipenderà da come evolverà il negoziato post Brexit tra UK e UE”.
“Ma le potenzialità per l’export di vino italiano nella Grande distribuzione britannica (le insegne Majestic and Waitrose in primis) sono grandi – ha aggiunto Canneti – non solo per le bollicine, ma anche per il vino rosso. Pensiamo al Cannonau, al Passimento/Amarone, al Chianti Classico, al Veneto Classico e ai morbidi e succosi vini siciliani e pugliesi. Buone anche le prospettive dei nuovi bianchi di tendenza, come il Fiano, il Vermentino, il Pecorino e il Grillo. E non dimentichiamo il successo che si registra da anni delle “fantasy label”.

SCARICA QUI LA RICERCA DI IRI
 
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



0 Commenti
Non sono presenti commenti
Ultimo sondaggio 02.12.2017
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

Il vino segnala lo spostamento dei consumi verso la qualità
Tendenze
Il vino segnala lo spostamento dei consumi...
DEL CAMBIAMENTO DEGLI stili di consumo ha risentito anche il vino, che rimane sulla tavola...
di Eros Casula
11.11.2017
I prodotti che non restano sugli scaffali almeno 2 anni sono il 16,7%
Analisi dei prodotti
I prodotti che non restano sugli scaffali...
Il numero di referenze presenti negli assortimenti e rilevati dagli scanner nella GDO sono più...
di Luigi Rubinelli
09.11.2017
IRi: cosa fa il consumatore “nuovo”. Un cambio repentino
Ricerche
IRi: cosa fa il consumatore “nuovo”. Un cambio...
IRi in una ricerca prima dell’estate mette tra virgolette cosa fa il “nuovo”...
di Luigi Rubinelli
05.10.2017
IRi: buon 2017, meno ansia sociale, ma rimane l’aumento IVA
In primo piano
IRi: buon 2017, meno ansia sociale, ma rimane l...
IRI, ha elaborato le previsioni sull’andamento dei mercati del Largo Consumo...
di Eros Casula
10.08.2017
Il retail britannico assediato dal discount fa cambiare i rapporti IDM-GDO
Analisi dei prodotti
Il retail britannico assediato dal discount fa...
Il retail storico della Gran Bretagna è sotto assedio del discount. Aldi e Lidl hanno proposto...
di Luigi Rubinelli
26.07.2017
GDO versus GSS. Chi vince e chi perde e perchè?
Ricerche
GDO versus GSS. Chi vince e chi perde e perchè?
Il gap assortimentale fra le insegne della GDO e le insegne delle GSS, i category killer, sono...
di Luigi Rubinelli
22.07.2017
I clienti del retail frequentano fino a 5 insegne al trimestre. E la loyalty?
Ricerche
I clienti del retail frequentano fino a 5...
Multicanalità è un termine abusato, come il suo omonimo multichannel-omnichannel. Secondo...
di Luigi Rubinelli
19.07.2017
Il cliente passa più tempo davanti allo scaffale. Attenzione!!!
Tendenze
Il cliente passa più tempo davanti allo...
Nielsen, IRi, GFK, spiegano nelle loro ricerche che il consumatore ha bisogno di più...
di Giovanni Esposito
18.07.2017
IRi: buon 2017, meno ansia sociale, ma rimane l’aumento IVA
In primo piano
IRi: buon 2017, meno ansia sociale, ma rimane l...
IRI, ha elaborato le previsioni sull’andamento dei mercati del Largo Consumo...
di Eros Casula
03.07.2017
Il discount terrà sempre il costo del lavoro al 6-7%?
Ricerche
Il discount terrà sempre il costo del lavoro al...
Il discount, come forma di vendita, si appoggia su una rete di circa 4.700 negozi. Ha...
di Eros Casula
01.07.2017
GDO versus GSS. Chi vince e chi perde e perchè?
Ricerche
GDO versus GSS. Chi vince e chi perde e perchè?
Il gap assortimentale fra le insegne della GDO e le insegne delle GSS, i category killer, sono...
di Luigi Rubinelli
21.06.2017
 Il discount terrà sempre il costo del lavoro al 6-7%?
Ricerche
Il discount terrà sempre il costo del lavoro...
Il discount, come forma di vendita, si appoggia su una rete di circa 4.700 negozi. Ha...
di Eros Casula
13.06.2017
LOADING