Menu
 
Home Retail > In primo piano > Perché Confcommercio, Confesercenti e CGIA sono contro i pagamenti elettronici?
Perché Confcommercio, Confesercenti e CGIA sono contro i pagamenti elettronici?
08.08.2017
Autore
Luigi Rubinelli Direttore Responsabile
E così le associazioni di commercianti e artigiani sono contrarie all’introduzione dei pagamenti elettronici. Chi ci va giù più duro è la CGIA di Mestre, sempre attenta a contrarie ministri vari, chiede di non obbligare a dotarsi di pos chi lavora a domicilio come idraulici, elettricisti, falegnami, antennisti, manutentori di caldaie. Lo stesso chiedono Confcommercio e Confesercenti, con sfumature...


Perché Confcommercio, Confesercenti e CGIA sono contro i pagamenti elettronici?

Agosto 2017. E così le associazioni di commercianti e artigiani sono contrarie all’introduzione dei pagamenti elettronici. Chi ci va giù più duro è la CGIA di Mestre, sempre attenta a contrarie ministri vari, chiede di non obbligare a dotarsi di pos chi lavora a domicilio come idraulici, elettricisti, falegnami, antennisti, manutentori di caldaie. Lo stesso chiedono Confcommercio e Confesercenti, con sfumature diverse, per bar, carburanti, edicole. Più silenziosa l’associazione degli ambulanti che ne avrebbe un gran bisogno. Le associazioni, in particolare Confcommercio sostengono che l’introduzione dei pagamenti sta avvenendo gradualmente. Opposizione sorda, come si vede.
 
Poter pagare con il bancomat o la carta di credito gli erogatori di servizi di cui sopra è una realtà in tutti i paesi civili, qui in Italia non è possibile e permette una evasione fiscale importante, visto che gli artigiani chiedono il pagamento in contanti, se nò per piccoli lavori o con pagamento elettronico, rinunciano a uscire.
 
Il Governo fa bene a introdurre una multa per chi non accetta i pagamenti elettronici, anzi: dovrebbe aumentarla a 300 e non fermarsi a 30 euro. Per civiltà, trasparenza, etica e rispetto dei diritti dei cittadini queste associazioni dovrebbero essere le prime a essere liete di una presa di posizione da parte del Governo.
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



1 Commenti
Roberto
Tutte considerazioni corrette, ma almeno come inizio e come accade in altre situazioni, sarebbe necessario introdurre anche una parziale detraibilità fiscale X il contribuente della fattura come manutenzioni. Un forte stimolo al recepimento di tale modalità di pagamento, potrebbe arrivare anche da una drastica riduzione dei costi Bancari X tali transazioni.
09/08/2017 5.27.28
 
Ultimo sondaggio 29.08.2017
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

Patto per le città: finalmente qualcosa di nuovo
Ricerche
1 RWCOIN
Patto per le città: finalmente qualcosa di...
di Eros Casula
17.02.2013
Bordoni-Centromarca: verso l’istituto di conciliazione
Ricerche
1 RWCOIN
Bordoni-Centromarca: verso l’istituto di...
di Luigi Rubinelli
06.12.2012
 Baldi, Conad del Tirreno, entra in Confcommercio
In primo piano
1 RWCOIN
Baldi, Conad del Tirreno, entra in...
di Luigi Rubinelli
26.01.2012
Federdistribuzione esclude di rientrare in Confcommercio
In primo piano
1 RWCOIN
Federdistribuzione esclude di rientrare in...
di Giovanni Cobogli Gigli
16.01.2012
Federdistribuzione rientrerà in Confcommercio con nuovi equilibri?
In primo piano
1 RWCOIN
Federdistribuzione rientrerà in Confcommercio...
di Luigi Rubinelli
10.01.2012
Revisione consumi regionali
Scenari
1 RWCOIN
Revisione consumi regionali
di Luigi Rubinelli
03.10.2011
LOADING