Menu
 
Home Retail > In primo piano > LeDistrict-NewYork: l’inno alla francesità, servita e a self service
LeDistrict-NewYork: l’inno alla francesità, servita e a self service
21.03.2017
Autore
Luigi Rubinelli Direttore Responsabile
Le District è stato aperto alla fine del 2015 nella ex area del WorldTradeCenter (Torri Gemelle, per intenderci) da HPH Restaurant Group di Peter Poulakakos, Paul Lamas e Laurent Vasseur. Nel frattempo ha subito alcuni ritocchi...

LeDistrict-NewYork: l’inno alla francesità, servita e a self service

Febbraio 2017. Le District è stato aperto alla fine del 2015 nella ex area del WorldTradeCenter (Torri Gemelle, per intenderci) da HPH Restaurant Group di Peter Poulakakos, Paul Lamas e Laurent Vasseur. Nel frattempo ha subito alcuni ritocchi.
 
È all’ingresso di questo medio shopping center posizionato alto, a due passi dall’arrivo dei traghetti dell’Hudson River e alle spalle di Eataly. Se Eataly è l’inno alla italianità, LeDistrict è l’inno alla francesità, solo il nome, il brand non lo è, e questo è un errore di chi l’ha pensato. Il modello esperienziale è quello del KaDeWe di Berlino, Germania, o se preferite quello del Globus di Zurigo, Svizzera. O se volete proprio un’alternativa a AuBonMarchè di Parigi, Francia, dal quale ha probabilmente ricavato il lettering (scusate l’annotazione troppo tecnica, ma ci sembra proprio quello).
 
Ha una superficie di circa 3.000 mq.
 
Si divide in:
. Beaubourg, ristorante con 200 posti a sedere, interni e all’esterno sulla balconata che da sull’Hudson,
. L’Apart, 28 posti per assaggiare i piatti di Jordi Vallès,
. Cafè District, cafeteria con specialità dolci e salate francesi,
. Garden District. Il supermercato, incentrato sui freschi, i prodotti stagionali, selezione alto di gamma e di griffe per lo scatolame. È presente una fioraia.
. Il Market district è la parte dell’impianto che ospita i reparti a servizio: panetteria, pescheria, formaggi, salumeria, macelleria (è possibile scegliersi la carne da cuocere), rosticceria, ostriche
. Il Bar ha un assortimento di 160 etichette, certamente tutte francesi, con 15 bottiglie per la mescita a bicchiere.
 
Il posizionamento di prezzo
Difficile distinguere un solo posizionamento visto che operano ristoranti servizi e a libero servizio, come il fondo al market. Con un po’ di pazienza e limitandosi ad alcune specialità possiamo dire che non è proibitivo, ristoranti a servizio a parte, come L’Apart, appunto. Interessanti sono la pasticceria e il bar.
 
La sostenibilità di LeDistrict, NewYork
Coerenza fra il posizionamento e la sua realtà     4
Distintività e rilevanza versus i competitor     4
Rapporto experience-prezzo 4
Sostenibilità     3
Attenzione alle nuove tecnologie e all’innovazione     3
Attenzione ai millenials     2
Attenzione ai senior     4
Creazione di una community    3
Trasparenza     3

Scala di valori da 1 a 5, 1 basso, 5 elevato
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



0 Commenti
Non sono presenti commenti
Ultimo sondaggio 29.08.2017
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

Microsoft/NewYork: didattica, scoperta, loyalty
Buoni e cattivi
Microsoft/NewYork: didattica, scoperta, loyalty
Il flagship di Microsoft sulla 5th Ave a NewYork si sviluppa su più livelli. Il flagship, come...
di Luigi Rubinelli
20.09.2017
Patagonia/NewYork: alla fine del prodotto c’è la riparazione garantita
Tutti i canali di vendita
Patagonia/NewYork: alla fine del prodotto c’è...
Questa nuova iniziativa di Patagonia (brand insuperabile dell’outdoor e dell&rsquo...
di Luigi Rubinelli
28.08.2017
Custom Apparel/NewYork: il sarto con l’algoritmo
Tutti i canali di vendita
Custom Apparel/NewYork: il sarto con l...
Si fa un gran parlare dell’e-commerce che sta sostituendo i negozi e si servizi...
di Antonio Esposito
13.08.2017
 Nike/NewYork: come scrivere le directory per funzione d’uso e parlare cliente
Tutti i canali di vendita
Nike/NewYork: come scrivere le directory per...
L’esempio che RetailWatch è in grado di commentare è stato osservato nel flagship di...
di Luigi Rubinelli
05.07.2017
Custom Apparel/NewYork: il sarto con l’algoritmo
Tutti i canali di vendita
Custom Apparel/NewYork: il sarto con l...
Si fa un gran parlare dell’e-commerce che sta sostituendo i negozi e si servizi...
di Antonio Esposito
29.06.2017
Patagonia/NewYork: alla fine del prodotto c’è la riparazione garantita
Tutti i canali di vendita
Patagonia/NewYork: alla fine del prodotto c’è...
Questa nuova iniziativa di Patagonia (brand insuperabile dell’outdoor e dell&rsquo...
di Luigi Rubinelli
20.06.2017
Cover degli smartphone? 24/7 nella distribuzione automatica Best Buy-NewYork
Analisi dei prodotti
Cover degli smartphone? 24/7 nella...
Le vendite delle protezioni per i mobile phone sono esplose da qualche anno. Originali, copie,...
di Giovanni Esposito
19.05.2017
Creamline/NewYork: dal cappuccino all’hamburger. Si può?
Buoni e cattivi
Creamline/NewYork: dal cappuccino all’hamburger...
Creamline (due ristoranti a Chelsea e sulla 7a Ave) e il suo modello di business e di servizio...
di Eros Casula
22.04.2017
Converse-NewYork: riscritto il flagship, con più informazioni e scelta
Tutti i canali di vendita
Converse-NewYork: riscritto il flagship, con...
RetailWatch aveva già visitato il flagship di Converse a New York. Due livelli sulla Broadway,...
di Luigi Rubinelli
12.04.2017
LeDistrict/NewYork: un inno alla francesità
In primo piano
LeDistrict/NewYork: un inno alla francesità
A dispetto delle origini del proprietario, americano, LeDistrict è un concept di...
di Luigi Rubinelli
05.04.2017
BestBuy-NewYork: è molto difficile vendere l’elettronica in questo modo
Buoni e cattivi
BestBuy-NewYork: è molto difficile vendere l...
L’e-commerce e Amazon in particolare, hanno cominciato a cambiare i comportamenti di...
di Luigi Rubinelli
22.03.2017
Gourmet Garage-NewYork con AmazonPrimeNow
In primo piano
Gourmet Garage-NewYork con AmazonPrimeNow
AmazonPrimeNow ha scelto nel territorio i suoi partner. Così come ha fatto con NaturaSi e U2...
di Giovanni Esposito
17.03.2017
LOADING