Menu
 
Home Brand & Prodotti > Analisi di branding > IDM vs MDD: il caso dello scaffale dei legumi
IDM vs MDD: il caso dello scaffale dei legumi
19.09.2017
Autore
Silvia Barbieri Contributor
I legumi: l’alimento che, insieme ai cereali, godrà di maggiore successo nel prossimo futuro. Piacciono ai vegetariani, ai vegani, piacciono a tutti perché salutari, buoni, ricchi di proteine, perfetti per un’alimentazione rispettosa del pianeta. Fino a ieri una categoria a rischio commodity, oggi in rinascita...

IDM vs MDD: il caso dello scaffale dei legumi

Settembre 2017. I legumi: l’alimento che, insieme ai cereali, godrà di maggiore successo nel prossimo futuro. Piacciono ai vegetariani, ai vegani, piacciono a tutti perché salutari, buoni, ricchi di proteine, perfetti per un’alimentazione rispettosa del pianeta. Fino a ieri una categoria a rischio commodity, oggi in rinascita.
Cosa sta succedendo allo scaffale? Quali novità?
In questo caso lo scaffale da considerare è “largo”, perché attraversa diverse tipologie di prodotto – dai legumi in scatola, alle buste, ai freschi, ai surgelati. Troviamo zuppe e contorni, pronti o rapidi, bio o non bio, della marca industriale o commerciale, in lineari sempre più lunghi, ma certo non c’è nulla di nuovo: forse di meglio, ma non di nuovo. Se invece guardiamo i legumi in scatola, segnaliamo Valfrutta che sta lavorando per variare l’offerta di prodotto: le linee bio, i cotti al vapore, tendenze già presenti anche in altre categorie e presentate anche da Bonduelle. Da notare anche gli specialisti, come Montello, con i suoi legumi di ricerca, come i ceci neri della Murgia. E tanti altri produttori, insieme alla soia degli specialisti o delle PL.
 
I servizi e il design
I cambiamenti più interessanti riguardano servizio e design del prodotto.
Un passo verso il servizio lo compiono i mix di cereali e legumi di Valfrutta, con i Pronti al Vapore, e Pedon, con le buste Happy Veggie, per esempio. I legumi entrano poi in nuove categorie, come la bakery, con Fiorentini, o la pasta con Felicia Bio, fino a I Legumotti, di cui abbiamo già parlato, co-creazione di Barilla insieme ad Esselunga. Insomma, la rivincita di una categoria che sembrava chiusa nella sua latta. È facile immaginare che tanti siano ai blocchi di partenza della sfida legumi: vedremo chi partirà prima o con più efficacia: la marca commerciale o quella industriale.
 
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



0 Commenti
Non sono presenti commenti
Ultimo sondaggio 01.10.2018
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

 Il 56% dei consumatori non si fida dei prodotti industriali, sia della GDO sia dell’IDM
Scenari
Il 56% dei consumatori non si fida dei...
In un recente studio di Nielsen (Global health and ingredient-sentiment survey) è possibile...
di Luigi Rubinelli
27.09.2018
 Lanci di prodotto: inefficacia promozionale ma anche miopia di mercato
Analisi dei prodotti
Lanci di prodotto: inefficacia promozionale ma...
La tabella che RetailWatch pubblica in questo articolo merita un momento di riflessione per l...
di Luigi Rubinelli
20.09.2018
Carrefour Francia testa 4 pdv di sole marche del distributore, MDD
In primo piano
Carrefour Francia testa 4 pdv di sole marche...
Per il momento si tratta di un test. Carrefour sta sperimentando in 4 punti di vendita in...
di Luigi Rubinelli
20.09.2018
Caterina Crepax e l’interpretazione dei brand della GDO e dell’IDM
Analisi di branding
Caterina Crepax e l’interpretazione dei brand...
Il tema dell’edizione de Linkontro-Nielsen 2018 è stato: “Near-future landscapes...
di Eros Casula
16.09.2018
I conti della GDO peggiorano, quelli dell’IDM migliorano
Ricerche
I conti della GDO peggiorano, quelli dell’IDM...
A DISPETTO del positivo andamento delle vendite della Gdo dello scorso anno, nel 2017 non...
di Luigi Rubinelli
13.09.2018
Assortimenti della GDO in ampliamento. O in ristrutturazione? O…
Analisi dei prodotti
Assortimenti della GDO in ampliamento. O in...
La tabella di IRi è molto chiara: si stanno ampliando gli assortimenti di tutti i canali della...
di Luigi Rubinelli
31.08.2018
Sconti nella GDO: l’IDM crede che la soglia sia il 42%
Ricerche
Sconti nella GDO: l’IDM crede che la soglia sia...
Qual è la soglia massima entro la quale i clienti della GDO non modificano i loro...
di Giovanni Esposito
18.08.2018
Brand dell’IDM e delle MDD hanno un futuro certo. A patto che…
Analisi di branding
Brand dell’IDM e delle MDD hanno un futuro...
Dice Guido Cristini, ordinario di marketing operativo e category management all&rsquo...
di Eros Casula
18.08.2018
Come andrà a finire il retail nei prossimi anni
In primo piano
Come andrà a finire il retail nei prossimi anni
A furia di leggere previsioni e ricerche e ascoltare relazioni sul futuro del retail provo a...
di Luigi Rubinelli
11.08.2018
 Brand dell’IDM e delle MDD hanno un futuro certo. A patto che…
Analisi di branding
Brand dell’IDM e delle MDD hanno un futuro...
Dice Guido Cristini, ordinario di marketing operativo e category management all&rsquo...
di Eros Casula
12.07.2018
Ed ecco allora l’accordo di lungo periodo Carrefour-Tesco
In primo piano
Ed ecco allora l’accordo di lungo periodo...
Carrefour e Tesco hanno stretto un accordo sulle strategie. Il comunicato che annuncia l&rsquo...
di Luigi Rubinelli
02.07.2018
 Sconti nella GDO: l’IDM crede che la soglia sia il 42%
Ricerche
Sconti nella GDO: l’IDM crede che la soglia...
Qual è la soglia massima entro la quale i clienti della GDO non modificano i loro...
di Giovanni Esposito
26.06.2018
LOADING