Menu
 
Home Brand & Prodotti > Analisi dei prodotti > Passata di pomodoro: Repubblica non dia i numeri, per favore
Passata di pomodoro: Repubblica non dia i numeri, per favore
14.08.2018
Autore
Luigi Rubinelli Direttore Responsabile
Agosto, cara GDO non ti conosco. Potrebbe essere il refrain a monte di un articolo di parte di Repubblica del 9 di agosto sulla passata di pomodoro da 700 gr. Strano perché i dati espressi sono opinabili e mancano di credibilità di mercato, nel senso che le cifre indicate, partendo dal prezzo di vendita, forse...

Passata di pomodoro: Repubblica non dia i numeri, per favore

Agosto, cara GDO non ti conosco.
Potrebbe essere il refrain a monte di un articolo di parte di Repubblica del 9 di agosto sulla passata di pomodoro da 700 gr. Strano perché i dati espressi sono opinabili e mancano di credibilità di mercato, nel senso che le cifre indicate, partendo dal prezzo di vendita, forse appartengono al mercato svizzero più che a quello italiano. O, se proprio volete, sono prezzi da Peck (l’emporio alto di gamma frequentato da stranieri a Milano).
 

 
Su questo prezzo e sul margine del 53% della GDO si sono scatenati altri articoli, tweet a profusione con fautori di una parte (la GDO lucra sulla passata di pomodoro) o dell’altra (i numeri sono profondamente sbagliati). Per onestà intellettuale è necessario dire che RetailWatch ha partecipato alla tenzone, schierandosi in difesa delle tesi della GDO.
 
La discussione virtuale è andata oltre e abbracciato i temi del caporalato nei territori della raccolta del pomodoro.
 
Forse è il caso di fare un po’ di ordine nella discussione.
 
  1. Il prezzo di vendita della passata nella GDO non c’entra nulla con il caporalato. Unire i due temi significa essere in malafede.
  2.  Nell’analisi del prezzo non è indicata l’iva al 4%, che, a occhio e croce, è sommata al margine del distributore.
  3. Secondo Repubblica la GDO avrebbe un utile (o un margine, il redattore dell’articolo qui non è stato chiaro) del 53%. L’agricoltore dell’8%. Sostenere una tesi simile significa non sapere di cosa si stia parlando e dispiace leggerlo su un giornale come Repubblica che pure ha molti meriti. Forse converrebbe che venisse offerto uno stage in un’azienda della GDO al giornalista in modo che capisca bene l’argomento e soprattutto parli a ragion veduta.
  4. Nell’articolo non si parla di costi di re-distribuzione (logistica, stoccaggio, messa a scaffale) della GDO. E, come si evince dai numeri che pubblichiamo, la questione non è di poco conto.
 
RetailWatch ha voluto chiedere a Mario Gasbarrino, ad di U2-Unes/Finiper (il primo manager a ribellarsi all’articolo di Repubblica), un’analisi dettagliata del costo della passata di pomodoro.
 
I veri dati della passata di pomodoro
Nella tabella di Unes a sinistra sono espressi i dati dell’articolo di Repubblica, a destra quelli di U2-Unes.
Come si vede il margine lordo di U2-Unes non è del 53% ma del 28,5%. Sono espressi altresì i costi di distribuzione pari al 25%. Fino ad arrivare all’utile netto dell’insegna su ogni passata da 700 gr.: il 3%.
 
Ringraziamo Mario Gasbarrino per aver reso disponibili i dati di questo articolo.
 
 
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



0 Commenti
Non sono presenti commenti
Ultimo sondaggio 03.09.2018
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

LOADING