Menu
 
Home Brand & Prodotti > Analisi dei prodotti > Lo scaffale banalizzato dell’olio ha bisogno di una revisione
Lo scaffale banalizzato dell’olio ha bisogno di una revisione
11.04.2018
Autore
Luigi Rubinelli Direttore Responsabile
L’olio è uno dei prodotti, insieme alla carta igienica, più banalizzati del largo consumo. È perennemente sul volantino di tutte le insegne con sconti diversi. Impossibile sapere il prezzo vero...


Lo scaffale banalizzato dell’olio ha bisogno di una revisione

Aprile 2018. L’olio è uno dei prodotti, insieme alla carta igienica, più banalizzati del largo consumo. È perennemente sul volantino di tutte le insegne con sconti diversi. Impossibile sapere il prezzo vero.
 
Recentemente sono andato a visitare un’azienda diversa, Zucchi, che ha fatto dell’attenzione all’ambiente e alla sicurezza, all’etica e alla qualità, un posizionamento difficile da mantenere viste proprio le condizioni commerciali e di comunicazione dell’olio. Giovanni Zucchi quando descrive i suoi reparti produttivi, i prodotti, ha il pensiero rivolto altrove. Probabilmente proprio alle modalità per superare il pasticcio grande dello scaffale della GDO.
I suoi oli sono tutti tracciati sul sito, sia l’Evo 100% italiani, sia i blend comunitari, sia il bio, sia gli Evo Dop e Igt. Ha poi una linea consigliata da Legambiente, “un olio giusto e sostenibile” sottolinea Giovanni Zucchi, con un disciplinare volontatrio che non si limita alle leggi attuali, ma va ben oltre.
 
Il ruolo del blending
E poi c’è il blending. In questo Zucchi somiglia molto a Illy e al suo caffè di arabica, modello produttivo e di consumo imposto dalla preveggenza di Ernesto Illy e che tuttora tiene banco.
 
Sul blending Giovanni Zucchi ha scritto addirittura un libro, L’olio non cresce sugli alberi, edito da Lupetti. Dice Zucchi che “L’arte del blending è la capaictà di immaginare e creare il carattere di un olio unendo oli di cultivar e provenienza diversi, armonizzandone i profumi e i gusti, per ottenere un prodotto diverso dagli ingredienti di partenza”.
 
Il problema è come bucare con questa filosofia e questi prodotti un lineare volgarmente banalizzato. Non può bastare il packaging, anche se ha mostrato di essere diverso nella concezione e nel visual, servirebbe un po’ più di fiducia da parte dei buyer e dei category, immersi nel miraggio del prezzo e della promozione.
 
I consumatori vorrebbero prima la qualità
Eppure l’olio diverso, sostenibile e tracciabile, registra acquisti importanti negli specializzati: un’occhiata ai loro lineari di vendita è sufficiente per capire un’altra filosofia e un’altra visione del mercato.
 
Il prezzo e la promozione non vanno di certo demonizzati, ma vanno sviluppati con attenzione e moderazione intelligente, incentrati su un ottimale rapporto qualità prezzo, dove, prima di tutto viene la qualità e poi il prezzo, almeno così dicono le ricerche sui comportamenti di acquisto di tutte le varie Nielsen, IRi, GFK.
 
Non ne siete ancora convinti?
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



0 Commenti
Non sono presenti commenti
Ultimo sondaggio 29.06.2018
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

Zucchi: i pro (tanti) e i contro (pochi) dell’olio
Analisi dei prodotti
1 RWCOIN
Zucchi: i pro (tanti) e i contro (pochi) dell...
di Luigi Rubinelli
15.01.2015
LOADING