Menu
 
Home Brand & Prodotti > Analisi dei prodotti > I freschi prediligono i produttori locali. Questione di strategia
I freschi prediligono i produttori locali. Questione di strategia
21.02.2018
Autore
Eros Casula Coordinamento redazionale
Grazie alla globalizzazione e a Internet i consumatori italiani oggi accedono a una vastissima gamma di prodotti: dalla produzione artigianale dietro casa alla filiera originata in un altro Continente. La Nielsen Global Brand-Origin Survey, condotta tra maggio e giugno 2017 su più di 31.500 interviste online in 63 Paesi, ha indagato l’impatto del dettaglio “Made in...” sulle scelte d’acquisto nel...


I freschi prediligono i produttori locali. Questione di strategia


Febbraio 2018. Grazie alla globalizzazione e a Internet i consumatori italiani oggi accedono a una vastissima gamma di prodotti: dalla produzione artigianale dietro casa alla filiera originata in un altro Continente. La Nielsen Global Brand-Origin Survey, condotta tra maggio e giugno 2017 su più di 31.500 interviste online in 63 Paesi, ha indagato l’impatto del dettaglio “Made in...” sulle scelte d’acquisto nel settore FMCG. Il primo dato interessante è che la preferenza della produzione locale rispetto a quella globale – o viceversa – dipende principalmente dalla categoria merceologica.

Approfondendo i risultati dell’indagine, emerge una tendenziale preferenza per i prodotti commercializzati da società multinazionali nelle principali categorie food e drug, a esclusione del comparto del fresco. In genere, i consumatori italiani preferiscono acquistare alimenti freschi vicino al luogo d’origine: circa un italiano su due (54%) afferma di acquistare più volentieri frutta e verdura fresca da un piccolo negozio al dettaglio nella propria città, o direttamente da un produttore locale. Anche quando si tratta di prodotti caseari (latte, burro, formaggi e yogurt) i consumatori italiani preferiscono la produzione nostrana (48%). Le percentuali scendono passando a uova, carne e pesce fresco (44%), prodotti da forno come pane e dolci (37%), carne/pesce refrigerati o surgelati (14%) che, in quanto meno “deperibili”, non ostacolano la proliferazione dei brand globali.

Nell’acquisto di prodotti confezionati quali snack e bevande, invece, i consumatori italiani non hanno particolari preferenze di provenienza: mediamente solo 1 italiano su 10 sarebbe più propenso ad acquistare principalmente piccole marche locali di cioccolato (12%), snack dolci o salati (11%), cereali per la colazione (10%), caffè o tè (11%), bevande analcoliche frizzanti (5%).



Nelle categorie Prodotti per l’infanzia, Cura della Casa e Cura della Persona le preferenze degli italiani si spostano prevalentemente verso le marche globali. Soprattutto nel primo comparto, infatti, i consumatori hanno bisogno di essere rassicurati dai migliori controlli qualità che i produttori globali sembrano garantire. Nello specifico, meno del 10% di italiani sceglierebbe un piccolo manufacturer locale per shampoo e balsamo (8%), make-up (7%), dentifricio e colluttorio (6%), deodoranti e detergenti per il corpo (6%) e assorbenti femminili (5%). Stesso discorso vale per i detergenti per la casa e i detersivi per la lavatrice, con rispettivamente il 6% e il 7% di preferenze “locali”.

Lo spostamento di preferenze verso i marchi globali può dipendere da molti fattori: può essere la conseguenza della minor disponibilità di marchi locali in una determinata categoria, oppure della percezione distorta della reale provenienza di un prodotto, oppure, semplicemente, i consumatori hanno una crescente affinità con le aziende multinazionali. Quest’ultima è la ragione più plausibile, considerando che numerosi brand globali stanno penetrando nei mercati locali tramite nuovi canali –online e offline – e che solitamente sono riconosciute come marche “di fiducia”.

Lo studio Nielsen evidenzia infine che il mercato rionale, il fruttivendolo, il macellaio o il fornaio sotto casa sono canali ai quali i consumatori di tutto il mondo riconoscono ancora qualità e affidabilità. I negozi della Grande Distribuzione vincono invece in termini di convenience. I piccoli negozi al dettaglio sono preferiti dai consumatori globali soprattutto per frutta e verdura fresca (66%), uova, carne e pesce fresco (49%) e prodotti da forno (48%).
 
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



0 Commenti
Non sono presenti commenti
Ultimo sondaggio 01.10.2018
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

Quanto vale il mercato dei freschi al di fuori della GDO?
Analisi dei prodotti
Quanto vale il mercato dei freschi al di fuori...
In Italia i Freschi vengono acquistati in 6 canali distributivi: oltre alla GDO, suddivisa in....
di Eros Casula
25.08.2018
Perché il consumatore non acquista i freschi nella GDO
Analisi dei prodotti
Perché il consumatore non acquista i freschi...
Le ricerche di mercato (Nielsen, IRi, GFK) raramente mettono in luce i perché i consumatori non...
di Luigi Rubinelli
03.08.2018
Nei freschi, oltre la GDO, ci sono altri canali, quanto valgono in valore e in volume
Ricerche
Nei freschi, oltre la GDO, ci sono altri canali...
Per gli operativi della GDO contano le insegne, al massimo il canale della ristorazione. Ma...
di Eros Casula
24.07.2018
Quanto vale il mercato dei freschi al di fuori della GDO?
Analisi dei prodotti
Quanto vale il mercato dei freschi al di fuori...
In Italia i Freschi vengono acquistati in 6 canali distributivi: oltre alla GDO, suddivisa in....
di Eros Casula
14.06.2018
Perché il consumatore non acquista i freschi nella GDO
Analisi dei prodotti
Perché il consumatore non acquista i freschi...
Le ricerche di mercato (Nielsen, IRi, GFK) raramente mettono in luce i perché i consumatori non...
di Luigi Rubinelli
10.05.2018
Amazon Prime introduce i freschi
In primo piano
1 RWCOIN
Amazon Prime introduce i freschi
di Eros Casula
15.02.2016
LOADING