Menu
 
Home Brand & Prodotti > Analisi dei prodotti > Dopo IlViaggiatorGoloso GreenOasis: U2/Unes e la sostenibilità. Nel non food.
Dopo IlViaggiatorGoloso GreenOasis: U2/Unes e la sostenibilità. Nel non food.
07.06.2018
Autore
Luigi Rubinelli Direttore Responsabile
Cosa ci fa Mario Gasbarrino, Ad di U2-Unes/Finiper con il Presidente di Legambiente Lombardia Andrea Poggio?


Dopo IlViaggiatorGoloso GreenOasis: U2/Unes e la sostenibilità. Nel non food.
 
Giugno 2018. Cosa ci fa Mario Gasbarrino, Ad di U2-Unes/Finiper con il Presidente di Legambiente Lombardia Andrea Poggio?
 
Stanno discutendo di sostenibilità. O, meglio, collaborando sul sentiero di sviluppo della sostenibilità.
 
In questo modo Mario Gasbarrino vira a sinistra, tiene ferma la barra sull’EDLP, EveryDayLowPrice, e aggiunge un nuovo sentiero di sviluppo, quello della sostenibilità, addirittura nel non food. È un sentiero impervio, fatto di molte fakenews, molto green washing, dispensato a piene mani dalle aziende e amplificato da articoli giornalistici.
 
Ma Gasbarrino ha a disposizione i suoi lineari di vendita per affermare che il suo non è green washing ma una nuova politica di retail, di acquisto e di consumo, di sviluppo e discriminazione e selezione.
 
Il lancio di GreenOasis non è il primo passo fatto dall’insegna in questa direzione. Ricorderete ad esempio la rinuncia agli imballi del canestro di acqua minerale, l’aggiunta del vetro per le bottiglie con il suo marchio nella stessa categoria merceologica, nei prodotti di bellezza, nel pane e via elencando.
 
Gasbarrino sa che questa strada è difficoltosa, ma un retailer, lavorando con le sue MDD, le marche del distributore, sa che non deve chiedere nulla alla grandi multinazionali che molte volte fanno green washing o, se volete, mera comunicazione. Lui ha gli spazi di lineare aperti: può dimensionare gli assortimenti, il pricing, il visual merchandising, le etichette, gli slim dei prezzi, senza concordare alcunchè. E lo ha fatto e lo sta facendo. Adesso sta “producendo”, nel senso che indica come fare il prodotto, senza più copiare l’IDM o altri.
 
A me, come cittadino e come consumatore e come giornalista, Gasbarrino sta simpatico. Farsi carico della sostenibilità diventerà fondamentale, ma lo è già oggi, dove l’offerta di sostenibilità (quella vera) non copre la domanda che viene dal basso, dai cittadini-consumatori. E quindi c’è un gran mercato potenziale e Gasbarrino ha capito che deve fare da apripista e approfittarne.
 
Lo diciamo con chiarezza: non basta cambiare un centinaio di lampade al neon per quelle a risparmio energetico e definirsi sostenibili. Bisogna partire dall’occupazione del suolo, che per il retail è un problema enorme, per arrivare agli assortimenti, dove la professione del distributore è ancora (domani è un'altra) quella di selezionare brand e prodotti.
 
Beh, cari retailer, cominciate proprio dagli assortimenti, ridimensionando le aziende che sostenibili non sono, fate MDD sostenibili, senza anche voi cadere nel green washing. Il consumatore è più avanti di tutti e saprà certamente distinguere.
 
Detto questo ecco il progetto GreenOasis di U2-Unes
 
Green Oasis Casa, la nuova linea di prodotti ecosostenibili e consigliati da Legambiente firmati Unes (la MDD vale il 43% delle vendite, dei quali il 15,5% è dovuto a IlViaggiatorGoloso, che viaggia verso i 140 mio di euro di vendite), e prodotti da Icefor, formulati partendo da materie prime vegetali, tra cui gli scarti della barbabietola da zucchero.
La gamma Green Oasis Casa, frutto di attente ricerche, è realizzata con tensioattivi completamente e velocemente biodegradabili, inoltre ha ridotti contenuti di VOC (sostanze organiche volatili), quei componenti nocivi che, evaporando, inquinano l’ambiente domestico. Con questi prodotti innovativi e concentrati, sarà possibile quindi ottenere un pulito impeccabile per la propria casa e il proprio bucato, facendo del bene a se stessi e all’ambiente.
Inoltre, tutti i flaconi dei prodotti Green Oasis Casa sono ottenuti da plastica riciclata (quindi ben oltre quella riciclabile) senza, quindi, produrne di nuova. Le fragranze utilizzate sono delicate e contengono ridottissime quantità di allergeni, per un profumo di pulito autentico e mai invasivo. Infine, tutta la gamma è completamente priva di coloranti
La linea Green Oasis Casa si compone di prodotti per la cura di:
  • Stoviglie: detergente piatti concentrato, detergente lavastoviglie in tabs e brillantante lavastoviglie con ingredienti naturali.
  • Elettrodomestici: detergente frigoriferi, detergente piastre a induzione, cura lavastoviglie. Con attivi igienizzanti e detergenti di origine naturale.
  • Superfici: detergente pavimenti e piastrelle, detergente parquet e laminati, detergente vetri e multiuso, detergente sgrassatore universale. Con solventi vegetali ricavati dalla glicerina.
  • Bagno: detergente cura doccia, detergente scioglicalcare, detergente disincrostante wc gel. Con acidi derivanti dalla fermentazione naturale del glucosio.
  • Bucato: detersivo lavatrice, detersivo lana e delicati, detersivo capi sicuri, ammorbidente concentrato. Con ingredienti naturali, senza sbiancanti ottici e con fragranze delicate per un bucato naturalmente fresco.
Green Oasis è la nuova marca privata premium firmata Unes pensata per prendersi cura responsabilmente e naturalmente non solo della propria casa ma, in futuro, anche della persona (corpo e capelli) e dei più piccoli.
Nei prossimi mesi dopo la cura casa la MDD passerà alla cura persona, 35 referenze, con focus nel bambino e nell’oral care
 
 
Quindi il premium MDD sta cercando di passare da:
. prodotti prestazionali,
a
. prodotti reputazionali, con valori.
 
Green Oasis già in Manor e Miratorg
Il futuro di Gren Oasis sarà quello di passare da brand-prodotti di nicchia a brand-prodotti a larghissima diffusione. “Abbiamo la forza per venderli e per spiegarli” dice a RetailWatch Mario Gasbarrino, ad di Unes-U2, nella prima settimana e mezza le vendite sono andate in rottura di stock; hanno un obiettivo da raggiungere dell’11% in volume e del 10,3% a valore. Nel periodo di prova il prezzo sarà allineato ai competitor dell’IDM. Nel frattempo Gasbarrino è riuscito a vendere brand e prodotti alla svizzera Manor e alla russa Miratorg, retailer con i quali collaborano da tempo.
 
Green Oasis diventa così il fratello sostenibile de IlViaggiatorGoloso. Nel non food. Seguiremo con cura gli sviluppi.
 
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



1 Commenti
Antonia
Molto bello e luminoso il packaging di questi prodotti del Viaggiator Goloso, un invito in più per acquistarli.
07/06/2018 10.07.22
 
Ultimo sondaggio 29.06.2018
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

La crisi della GDO è iniziata nel 2004, ben prima della Lehman Brothers
Ricerche
La crisi della GDO è iniziata nel 2004, ben...
Per convenzione, per abitudine, per acquiescenza (o più semplicemente perché non si ha tempo...
di Luigi Rubinelli
15.08.2018
Perché il consumatore non acquista i freschi nella GDO
Analisi dei prodotti
Perché il consumatore non acquista i freschi...
Le ricerche di mercato (Nielsen, IRi, GFK) raramente mettono in luce i perché i consumatori non...
di Luigi Rubinelli
03.08.2018
I costi per la GDO sono in aumento, si apre un altro fronte?
Ricerche
I costi per la GDO sono in aumento, si apre un...
C’è una voce, quella dei costi, che sta emergendo, nonostante tanti altri indicatori...
di Luigi Rubinelli
02.08.2018
Nei freschi, oltre la GDO, ci sono altri canali, quanto valgono in valore e in volume
Ricerche
Nei freschi, oltre la GDO, ci sono altri canali...
Per gli operativi della GDO contano le insegne, al massimo il canale della ristorazione. Ma...
di Eros Casula
24.07.2018
Carrefour e Pam e Végé invitano la GDO in AiCube
In primo piano
Carrefour e Pam e Végé invitano la GDO in...
Il comunicato stampa rilasciato da AiCube e dai tre soci fondatori (Carrefour e Pam e Végé) è...
di Luigi Rubinelli
12.07.2018
La crisi della GDO è iniziata nel 2004, ben prima della Lehman Brothers
Ricerche
La crisi della GDO è iniziata nel 2004, ben...
Per convenzione, per abitudine, per acquiescenza (o più semplicemente perché non si ha tempo...
di Luigi Rubinelli
28.06.2018
 Sconti nella GDO: l’IDM crede che la soglia sia il 42%
Ricerche
Sconti nella GDO: l’IDM crede che la soglia...
Qual è la soglia massima entro la quale i clienti della GDO non modificano i loro...
di Giovanni Esposito
26.06.2018
Ecco le insegne più convenienti del retail italiano: Eurospin, Esselunga, U2 e…
Ricerche
Ecco le insegne più convenienti del retail...
Una recente ricerca di CFI Group sviluppata a Cibus con RetailWatch ha svelato quali sono le...
di Luigi Rubinelli
21.06.2018
Quanto vale il mercato dei freschi al di fuori della GDO?
Analisi dei prodotti
Quanto vale il mercato dei freschi al di fuori...
In Italia i Freschi vengono acquistati in 6 canali distributivi: oltre alla GDO, suddivisa in....
di Eros Casula
14.06.2018
Ma quanto vale la ristorazione in Italia? 83 o 78 mld di euro?
Tendenze
Ma quanto vale la ristorazione in Italia? 83 o...
Che la ristorazione sia uno dei competitor più aggressivi per i canali di vendita della GDO è...
di Luigi Rubinelli
07.06.2018
Il discount rafforzerà i freschi, aumenterà l’ebitda e i pure player dell’e-commerce…
Ricerche
Il discount rafforzerà i freschi, aumenterà l...
Giugno 2018. Con l’ingresso di Leader Price che ha aperto a Como il suo primo punto di...
di Luigi Rubinelli
07.06.2018
Assortimenti della GDO in ampliamento. O in ristrutturazione? O…
Analisi dei prodotti
Assortimenti della GDO in ampliamento. O in...
La tabella di IRi è molto chiara: si stanno ampliando gli assortimenti di tutti i canali della...
di Luigi Rubinelli
05.06.2018
LOADING