Menu
 
Home Brand & Prodotti > Merchandising & Promozioni > L’interpretazione della formula Pam superstore a Livorno
L’interpretazione della formula Pam superstore a Livorno
25.06.2018
Autore
Antonello Vilardi Contributor
1500/3500 metri quadri di spazio con ampiezza e profondità declinate prevalentemente sull'alimentare, in una fase storica dove il concetto di "tanti prodotti, a prezzi bassi, sotto uno stesso tetto" fa effettivamente un lungo passo di lato a favore di quello relativo a "tanti prodotti, a prezzo basso, sotto il tetto di uno...

L’interpretazione della formula Pam superstore a Livorno

Giugno 2018. 1500/3500 metri quadri di spazio con ampiezza e profondità declinate prevalentemente sull'alimentare, in una fase storica dove il concetto di "tanti prodotti, a prezzi bassi, sotto uno stesso tetto" fa effettivamente un lungo passo di lato a favore di quello relativo a "tanti prodotti, a prezzo basso, sotto il tetto di uno specialista".

Il successo del "superstore" è effetto indiretto di come l'esigenza di garantire prezzi bassi su un numero elevato di referenze abbia approfondito le gamme su spazi di vendita diversificati: quelli delle Grandi Superfici Specializzate.

Lo “stesso tetto" ora non è più sufficiente ad accogliere “tanto” secondo la convenienza pretesa dai consumatori, contestualmente gli “ipermercati” sono entrati in crisi ed i “superstore” si sono rivelati più adatti a calibrare le proposte commerciali sull’approfondimento delle gamme alimentari, ancor più dei “supermercati” (che, del resto, ne hanno minore possibilità a causa di superfici inferiori, generalmente tra 400 e 2500 mq).

La distribuzione di massa, se dal lato della fidelizzazione sta evolvendosi lungo il tragitto della personalizzazione dell’offerta, da quello degli spazi di vendita sta consolidando progressivamente la specializzazione dei formati.

RETAIL WATCH presenta ora l'interpretazione che del superstore fa PAM, concorrente diretto di player importanti su questo formato come ESSELUNGA, COOP e CONAD: il caso è quello di Livorno, in via Firenze.
 
Lay out.
Circa 3.000 metri quadri, 13 casse, 4 in modalità “self scanning”;

ingresso devoluto alle proposte della promozione istituzionale, subito a seguire ortofrutta e resto del settore “freschi”, prodotti del largo consumo confezionato nell'area centrale del negozio, surgelati ed acque minerali al termine del percorso di visita.

La preminenza del promozionale in attacco, a dispetto dell’ortofrutta (tradizionale prima linea dei negozi provvisti di alimentare), distingue una dimensione strategica intimamente legata all'attrazione suscitata dal “taglio prezzo” sulle referenze dell’Industria di Marca, conclamata su base periodica in un quadro istituzionale.

Questa scelta riprende una visione comune agli ipermercati del passato, forse un po’ troppo datata, in cui l’evocazione di quanto la promozione istituzionale è in grado di “calamitare”, nell’immediatezza dei primi passi, sembra ancora mantenere importanza significativa per le strategie del negozio.

L'assortimento dei freschi è completo, per effetto del presidio di tutti i reparti tradizionali; la macelleria si dispone con metodologia di vendita sia in take away che in assistenza (i laboratori di lavorazione sono a vista, attraverso vetrate), i Deperibili a Libero Servizio sono collocati nelle immediate vicinanze dell’Ortofrutta.

Panetteria e pasticceria sono predisposti con vendita sfusa, prelievo a libero servizio e pesatura in bilancia.

L'assortimento dei vini è teatralizzato,  suddiviso per provenienza regionale.

Sono presenti e valorizzati negli spazi: “salutistico”, “parafarmacia” e “libri/edicola”; quanto al “non alimentare” invece si distinguono soltanto piccolissime parti di assortimento, di uso corrente, connesse a tecnologia portatile (in vetrina  al box informazioni), elettricità, ferramenta, giocattoli, tessile, cancelleria e auto-accessori.

Le scaffalature sono equipaggiate con etichette elettroniche, moderni e sempre più utilizzati (proprio nei superstores) strumenti per favorire la “certezza del prezzo” e la produttività del personale nelle convulse fasi di transizione da un evento promozionale all’altro.
 
Volantino
28 pagine (valido dal 4 al 13 Giugno 2018), “front page” che fa ampiamente risaltare il marchio “Superstore PAM”, in alto a sinistra.

Questa prima pagina riporta una sorta di titolo con scritta blu su sfondo giallo e “font” particolare: “SOTTO PR€ZZO”, oltre alla specifica comunicazione: “LA VITA SPESA AL MEGLIO: dal 1958, 60 anni spesi al meglio”.

Tre sono gli articoli posti in evidenza fotografica: “macinato per ragù di bovino adulto” in confezione famiglia a €0,39 l’etto, “tonno RIO MARE” in olio d’oliva g.80x12 a €9,00, “completo letto BASSETTI MANIA” fantasie assortite 2 piazze a €25,99.

I prezzi non hanno “framing”, quindi non presentano l’indicazione del prezzo di partenza e della percentuale di sconto applicata.

Stride l’ambizione di presentare anni spesi al meglio nel segno del risparmio con la decisione di far risaltare, in prima pagina, due articoli su tre che presentano un costo “molto carico”: 9 Euro (il vassoio con 12 scatolette di tonno da 80 grammi) e 25 Euro e novantanove centesimi (il completo per letto a due piazze).

Sorprende altresì l’avere ignorato di apporre il “framing” sui prezzi, che di solito consente al cliente di cogliere la consistenza del vantaggio.

Il marketing di PAM avrà indubbiamente processato valide ragioni, in tal senso.

Pricing.
Pasta BARILLA 500 grammi: €0,75;
Olio MONINI extra vergine di oliva “classico” €6,00;
COCA COLA 1.5 l. €1,59;
COCA COLA 1 l. €1,79;
Acqua minerale naturale S.ANNA 1.5 l. €0,50

La proposta continuativa su queste referenze ad alta rotazione si attesta su valori che non spiccano per posizionamento particolarmente vantaggioso a favore dei clienti, benchè risulti abbastanza allineato agli equilibri generali del mercato nazionale.
 
L’interpretazione percepita sembra ancora risentire di configurazioni e strategie del passato: il “superstore” inteso da PAM si ferma a un livello intermedio tra “ipermercato” e “supermercato” tradizionali, senza approfondire e sviluppare peculiarità esclusive.
 
RETAIL FORMAT: 2
STORE LOCATION: 3
STORE LAY OUT: 2
DESIGN ELEMENTS: 3
ATMOSPHERICS: 3
USE OF TECHNOLOGY: 2
INTEGRATION ACROSS MULTIPLE CHANNELS: 3
AVERAGE JUDGEMENT: 2,6

(scala valori, dal più basso (0) al più alto (5))












 
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



0 Commenti
Non sono presenti commenti
Ultimo sondaggio 29.06.2018
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

Carrefour e Pam e Végé invitano la GDO in AiCube
In primo piano
Carrefour e Pam e Végé invitano la GDO in...
Il comunicato stampa rilasciato da AiCube e dai tre soci fondatori (Carrefour e Pam e Végé) è...
di Luigi Rubinelli
12.07.2018
Pam con Supermercato24 per l’1% del fatturato nel digitale
In primo piano
Pam con Supermercato24 per l’1% del fatturato...
Più vendite digitali e partnership rafforzate con i player del commercio elettronico: dal palco...
di Eros Casula
20.06.2018
Coop Levante/Livorno: superstore fra servizio e take away
Merchandising & Promozioni
Coop Levante/Livorno: superstore fra servizio e...
Piegata dal faticoso obbligo di ripetere e superare gli strepitosi numeri portati nel recente...
di Antonello Vilardi
02.04.2018
Pam la spesa a casa con Supermercato 24 a Milano, Bologna e Padova
In primo piano
Pam la spesa a casa con Supermercato 24 a...
Supermercato24, il primo player Italiano della spesa online con consegna a domicilio...
di Eros Casula
19.02.2018
Pam-Milano: bene i locker, ma i prezzi delle tavolette di cioccolato…
Mistery Shopper
1 RWCOIN
Pam-Milano: bene i locker, ma i prezzi delle...
di Gianna Rubinelli
30.04.2017
Che dire dell’operazione Porta a mare di Coop a Livorno
Merchandising & Promozioni
1 RWCOIN
Che dire dell’operazione Porta a mare di Coop a...
di Antonello Vilardi
28.04.2017
IperCoop Livorno: l’ipermkt tradizionale in Toscana
Merchandising & Promozioni
1 RWCOIN
IperCoop Livorno: l’ipermkt tradizionale in...
di Antonello Vilardi
24.03.2017
MDD o IDM? Il caso della pasta in Pam
Analisi di branding
1 RWCOIN
MDD o IDM? Il caso della pasta in Pam
di Silvia Barbieri
06.12.2016
PAM, buona coerenza
Analisi di branding
1 RWCOIN
PAM, buona coerenza
di Silvia Barbieri
08.05.2016
Pam Local-Roma: prossimita' e convenienza.
Merchandising & Promozioni
1 RWCOIN
Pam Local-Roma: prossimita' e convenienza.
di Antonello Vilardi
10.04.2015
Despar servizi con ICube, Végé e Pam
In primo piano
1 RWCOIN
Despar servizi con ICube, Végé e Pam
di Eros Casula
29.01.2015
PAM Roma-Passo Falzarego: più a meno?
Mistery Shopper
1 RWCOIN
PAM Roma-Passo Falzarego: più a meno?
di Antonello Vilardi
07.07.2014
LOADING