Menu
 
Home Consumatore > Ricerche > La spesa dei millenial? Non è routine
La spesa dei millenial? Non è routine
30.03.2018
Autore
Eros Casula Coordinamento redazionale
Dopo anni di acquisti in contrazione, gli italiani sotto gli “anta” tornano a spendere di più per i prodotti di largo consumo, dice Nielsen. Le famiglie giovani – quelle con figli sotto i 17 anni, ma non tutti superiori ai 10 anni – fanno registrare un aumento della spesa media del +2,5%. I single e le coppie under 35 senza figli diminuiscono invece il valore della singola spesa (-0,7%) compiendo atti...

La spesa dei millenial? Non è routine

Marzo 2018. Dopo anni di acquisti in contrazione, gli italiani sotto gli “anta” tornano a spendere di più per i prodotti di largo consumo, dice Nielsen. Le famiglie giovani – quelle con figli sotto i 17 anni, ma non tutti superiori ai 10 anni – fanno registrare un aumento della spesa media del +2,5%. I single e le coppie under 35 senza figli diminuiscono invece il valore della singola spesa (-0,7%) compiendo atti d’acquisto sempre più frequenti (+2,1%). Entrambi i trend confermano il crescente impatto che gli acquisti alimentari hanno sull’andamento del settore FMCG. La riscoperta del cibo “sano”, infatti, sta trainando il largo consumo, ed è diventata un vero e proprio investimento: il benessere è una nuova forma di sicurezza.


 
Il trend relativo ai Millennial senza figli è interessante anche per un altro motivo. I ventenni e neo-trentenni effettuano la loro spesa tra le due e le tre volte a settimana, visitando punti di vendita differenti e, sempre più spesso, specializzati. È evidente che la scelta dei momenti e dei luoghi in cui acquistare i prodotti di largo consumo stia diventando – per citare Bauman – liquida. I Millennial acquistano di più online, al tempo stesso si recano più frequentemente nei piccoli negozi di alimentari, nei discount, negli specialisti drug e partecipano ai Gruppi di Acquisto Solidale nella propria zona. Sono propensi ad attivare fonti d’acquisto diverse, a seconda del bisogno del momento e della “convenience”. Niente routine, quindi: la scelta del punto vendita dipende da un mix fattori, tra i quali la prossimità, la convenienza economica e la qualità/innovazione dei prodotti offerti.
 
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



0 Commenti
Non sono presenti commenti
Ultimo sondaggio 30.03.2018
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

Tendenze
I millenial sono sempre meno attratti dal...
I consumi alimentari fuori casa hanno raggiunto i 236 mld di euro, contro i consumi di food in...
di Eros Casula
14.02.2018
Confronto Italia-Usa sul consumo di vino e un focus sui Millenial
Analisi dei prodotti
Confronto Italia-Usa sul consumo di vino e un...
Interessante ricerca di Wine Monitor Nomisma per Veralia sulle scelte del vino: il confronto...
di Eros Casula
26.05.2017
Pronto-Barilla, la pasta per i millenial Usa
Analisi dei prodotti
1 RWCOIN
Pronto-Barilla, la pasta per i millenial Usa
di Eros Casula
24.07.2016
Censis: sfatiamo i luoghi comuni sui millenial
Scenari
1 RWCOIN
Censis: sfatiamo i luoghi comuni sui millenial
di Luigi Rubinelli
20.07.2016
I millenial e l’uso del mobile phone. Per far cosa?
Tendenze
1 RWCOIN
I millenial e l’uso del mobile phone. Per far...
di Luigi Rubinelli
05.04.2016
Downgrading della spesa: risparmiato 1 mld di euro
Tendenze
1 RWCOIN
Downgrading della spesa: risparmiato 1 mld di...
di Eros Casula
09.10.2012
La spesa media delle famiglie è aumentata. Ma non basta più
Ricerche
1 RWCOIN
La spesa media delle famiglie è aumentata. Ma...
di Luigi Rubinelli
22.07.2012
LOADING