Menu
 
Home Consumatore > Ricerche > IRi: cosa fa il consumatore “nuovo”. Un cambio repentino
IRi: cosa fa il consumatore “nuovo”. Un cambio repentino
05.10.2017
Autore
Luigi Rubinelli Direttore Responsabile
IRi in una ricerca prima dell’estate mette tra virgolette cosa fa il “nuovo” consumatore. Le vigolette servono a sottolineare probabilmente che di nuovo in sé c’è poco, c’è molto invece negli atteggiamenti che si approfondiscono...

IRi: cosa fa il consumatore “nuovo”. Un cambio repentino

Settembre 2017. IRi in una ricerca prima dell’estate mette tra virgolette cosa fa il “nuovo” consumatore. Le vigolette servono a sottolineare probabilmente che di nuovo in sé c’è poco, c’è molto invece negli atteggiamenti che si approfondiscono.
 
Fedeltà all’insegna. I consumatori cambiano ancor di più il negozio se non trovano quel che cercano, prezzi, promozioni, assortimento, servizio, cortesia, code alle casse lunghe. Un simile atteggiamento dopo un anno dal dato precedente la dice lunga sullo stato d’animo con cui il consumatore va a fare la spesa. È un dato sul quale meditare in modo approfondito.
 
Pagare per innovazione soddisfacente. In 3 anni questo item di ricerca è cresciuto del 66%. Bisogna mettersi d’accordo sul termine innovazione che ha una valenza piuttosto allargata e ognuno la intende come vuole. Innovazione forse per il sentire comune vuol dire nuovo, che non c’era prima, ma la voglia di nuovo va di pari passi con l’ottimismo in aumento e soprattutto con un reddito disponibile maggiore che nel passato.
 
Pianificazione di categoria. I manager della categoria sorrideranno convinti di fornte a un +77% in 7 anni. Vale la categoria e soprattutto chi la guida, i leader. Es: nel cioccolato, nei detersivi, nelle birre, nei freschi e nell’ortofrutta e nei surgelati, dove la riscrittura dello scaffale è stata più profonda che in altre categorie.
 
Tempo davanti allo scaffale. +16”, +74% in sette anni. È un dato cruciale, almeno per chi ha riscritto lo scaffale e la categoria. Ovviamente il consumatore passa più tempo per osservare il prezzo al kg, legge le etichette, confronta i prezzi e le promozioni, si informa, chiede (dove trova il personale). Se passa più tempo davanti allo scaffale dovrebbe passare anche più tempo nel punto di vendita, casse a parte dove i tentativi di restringere il tempo di attesa per pagare ha molte sfaccettature.
 
Insomma: il “nuovo” consumatore vuole davvero capire bene dove e come e perché fa la spesa.
 
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



0 Commenti
Non sono presenti commenti
Ultimo sondaggio 30.03.2018
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

La forbice dei prezzi fra marca del distributore, MDD, e IDM è debole
Ricerche
La forbice dei prezzi fra marca del...
Le politiche di sviluppo della marca del distributore, MDD, nel retail puntano alla...
di Luigi Rubinelli
07.03.2018
Com’è finito il 2017. Tutti dati di IRi
Ricerche
Com’è finito il 2017. Tutti dati di IRi
Ecco tutti i dati più significativi per capire come si è chiuso il 2017...
di Luigi Rubinelli
30.01.2018
Ecco perché i discount (soprattutto Eurospin) hanno successo in Italia
Ricerche
Ecco perché i discount (soprattutto Eurospin...
I discount sono equiparabili a supermercati e ipermercati nella spesa fino a 10 prodotti in un...
di Luigi Rubinelli
25.01.2018
Marzoli/IRi: il pricing delle MDD Premium e l’inefficienza promozionale…
In primo piano
Marzoli/IRi: il pricing delle MDD Premium e l...
RetailWatch ha voluto incontrare in occasione di Marca 2018 Gianmaria Marzoli, Vice president...
di Luigi Rubinelli
24.01.2018
I prodotti che non restano sugli scaffali almeno 2 anni sono il 16,7%
Analisi dei prodotti
I prodotti che non restano sugli scaffali...
Il numero di referenze presenti negli assortimenti e rilevati dagli scanner nella GDO sono più...
di Luigi Rubinelli
09.11.2017
IRi: buon 2017, meno ansia sociale, ma rimane l’aumento IVA
In primo piano
IRi: buon 2017, meno ansia sociale, ma rimane l...
IRI, ha elaborato le previsioni sull’andamento dei mercati del Largo Consumo...
di Eros Casula
10.08.2017
Il retail britannico assediato dal discount fa cambiare i rapporti IDM-GDO
Analisi dei prodotti
Il retail britannico assediato dal discount fa...
Il retail storico della Gran Bretagna è sotto assedio del discount. Aldi e Lidl hanno proposto...
di Luigi Rubinelli
26.07.2017
GDO versus GSS. Chi vince e chi perde e perchè?
Ricerche
GDO versus GSS. Chi vince e chi perde e perchè?
Il gap assortimentale fra le insegne della GDO e le insegne delle GSS, i category killer, sono...
di Luigi Rubinelli
22.07.2017
I clienti del retail frequentano fino a 5 insegne al trimestre. E la loyalty?
Ricerche
I clienti del retail frequentano fino a 5...
Multicanalità è un termine abusato, come il suo omonimo multichannel-omnichannel. Secondo...
di Luigi Rubinelli
19.07.2017
Il cliente passa più tempo davanti allo scaffale. Attenzione!!!
Tendenze
Il cliente passa più tempo davanti allo...
Nielsen, IRi, GFK, spiegano nelle loro ricerche che il consumatore ha bisogno di più...
di Giovanni Esposito
18.07.2017
IRi: buon 2017, meno ansia sociale, ma rimane l’aumento IVA
In primo piano
IRi: buon 2017, meno ansia sociale, ma rimane l...
IRI, ha elaborato le previsioni sull’andamento dei mercati del Largo Consumo...
di Eros Casula
03.07.2017
Il discount terrà sempre il costo del lavoro al 6-7%?
Ricerche
Il discount terrà sempre il costo del lavoro al...
Il discount, come forma di vendita, si appoggia su una rete di circa 4.700 negozi. Ha...
di Eros Casula
01.07.2017
LOADING