Menu
 
Home Consumatore > Scenari > Morace: il retail deve costruire una relazione fiduciaria, basata sull’onestà
Morace: il retail deve costruire una relazione fiduciaria, basata sull’onestà
07.09.2017
Autore
Luigi Rubinelli Direttore Responsabile
Dice Francesco Morace, presidente di Future Concept Lab che il tema chiave che coinvolge in profondità il mondo dei consumi si conferma la social innovation. L’obiettivo, sottolinea Morace, rimane quello di identificare la vita quotidiana in modo innovativo, ma la strategia si sposta definitivamente dal possesso/status all’accesso/esperienza. In questa dinamica ritroviamo al centro le...


Morace: il retail deve costruire una relazione fiduciaria, basata sull’onestà

Settembre 2017. Dice Francesco Morace, presidente di Future Concept Lab che il tema chiave che coinvolge in profondità il mondo dei consumi si conferma la social innovation. L’obiettivo, sottolinea Morace, rimane quello di identificare la vita quotidiana in modo innovativo, ma la strategia si sposta definitivamente dal possesso/status all’accesso/esperienza. In questa dinamica ritroviamo al centro le relazioni fiduciarie (Trust Bonds) che richiedono trasparenza, onestà, varietà e autenticità: i quattro pilatri su cui si regge la condivisione dei processi e dei prodotti. Il consumo condiviso coincide così solo in parte con la sharing economy, producendo dinamiche socio-psicologiche di grande rilevanza: le relazioni empatiche, le affinità valoriali, la credibilità dei protagonisti, il capitale sociale. In una parola: economia della reputazione.
 
Il corpus di temi descritto da Morace è molto importante in un momento nel quale il consumatore sta spostando le sue scelte, in orizzontale e in verticale. In orizzontale cambiando i canali di vendita e sperimentando nuove logiche di acquisto, in verticale rimanendo nello stesso canale, ma cambiando spesso insegna.
 
Come si fa a costruire, allora, una economia della reputazione in un mercato come quello del FMCG, che è ormai in perenne movimento?
 
La reputazione è fatta di tanti tasselli, costruiti nel tempo, grandi e piccoli. Prendiamo due esempi:
  1. i parcheggi. Con il peggioramento delle condizioni climatiche diventano un elemento chiave: il parcheggio deve essere coperto, per via delle alterazioni della temperatura, in estate, ma anche in inverno e deve essere comodo, con i salsicciotti ai lati che permettono di aprire la portiera senza toccare la macchina posteggiata a dx o a sx. I parcheggi così disegnati in tutta la rete li ha solo Esselunga.
  2. le toilette. I clienti diventano vieppiù anziani, le famiglie vanno a fare la spesa con i bambini piccoli e il ricorso alla toilette è automatico. Deve essere comoda, pulita, con la carta igienica e possibilmente con il copriwater cambiabile in carta usa e getta. Ovviamente ci deve andare solo il cliente, non si possono fare commistioni con il personale, per ovvi motivi. Le toilette così disegnate su tutta la rete li ha solo Esselunga. C’è il caso de IlViaggiatorGoloso/Unes-Finiper con una toilette doppia, per l’adulto e più piccola per il bambino, ma è solo un unicum, nella rete dell’insegna non ne esistono altri.
 
Abbiamo preso questi due esempi di social innovation che ritroviamo proprio al centro del sistema della GDO, insieme, certamente, a decine di altri item, della relazione fiduciaria. Seguono trend demografici, quello dell’invecchiamento in particolare, che andrebbero letti in profondità, ma che  sembrano interessare poco. Perché?
 
Onestà nel commercio
Un altro pillar di Morace è l’onestà nel commercio, seguito dalla trasparenza nei processi. Le persone normali si interrogano sovente sulla trasparenza delle politiche di prezzo collegate alle promozioni continue e massive. Le ricerche di mercato evitano con cura di mettere in rilievo questo passaggio, probabilmente da fastidio al committente della ricerca. Molti retailer si spingono a dire che le promozioni fanno risparmiare euro ai clienti. Che si risparmi con le promozioni, non con tutte, è fuori discussione, ma da lì a dire che sono fatte apposta per far risparmiare il cliente la distanza è davvero abissale. Lasciatecelo dire, non è onesto nel senso stretto del termine e, anche, non è affatto trasparente. Una sola catena U2/Unes-Finiper ha abbandonato le promozioni per praticare l’Everydaylowprice (Edlp), anche in territori dove le promozioni sono particolarmente aggressive. È un caso di onestà e di trasparenza premonitore dei pillar identificati da Morace, ma scarsamente seguito o mixato a piacimento nella sola comunicazione.
 
Verità nell’informazione
Un altro pillar di Morace, trend di lungo periodo d sempre. Si potrebbe leggere il capitolo appena chiuso perché l’informazioni nel FMCG è materia opinabile, eppure ce ne sarebbe un gran bisogno per non sostenere la causa di chi riesce a fare il prezzo più basso. Servirebbe una grande campagna di comunicazione collettiva e singola sul concetto di creazione del Valore, con la V maiuscola. È necessario cioè spiegare alle persone che il prezzo non può scendere sotto una certa soglia, per:
  1. salvaguardare le filiere,
  2. remunerare il lavoro di piccolissime aziende in particolare, delle PMI in generale,
  3. per salvaguardare l’autenticità del prodotto e delle materie prime. Buono, pulito e giusto è il posizionamento di SlowFood, ma è necessario che l’intero sistema della GDO lo faccia suo, non solo nel premium delle MDD, ma in tutta la scala prezzi, oltre un certo limite il prodotto non sarà mai buono, pulito e giusto.
 
Buon lavoro.
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



0 Commenti
Non sono presenti commenti
Ultimo sondaggio 29.06.2018
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

Il mainstream non ci sarà più, come le categorie di prodotto
Ricerche
Il mainstream non ci sarà più, come le...
Al pro rettore del Politecnico di Milano, Giuliano Noci, si possono rinfacciare molte cose, ma...
di Luigi Rubinelli
14.08.2018
 Il mainstream non ci sarà più, come le categorie di prodotto
Ricerche
Il mainstream non ci sarà più, come le...
Al pro rettore del Politecnico di Milano, Giuliano Noci, si possono rinfacciare molte cose, ma...
di Luigi Rubinelli
10.07.2018
Il futuro è il presente e nel consumo vale la biografia di ciascuno di noi
Ricerche
Il futuro è il presente e nel consumo vale la...
Quel che conta è capire, studiare il consumo per costruire una cultura del consumo. Riassumere...
di Luigi Rubinelli
06.07.2018
Come parlare in pubblico: ironia e realtà degli intercalari di Gasbarrino/U2
Buoni e cattivi
Come parlare in pubblico: ironia e realtà degli...
Di professione come un buon giornalista partecipo a molti convegni, noiosi e interessanti...
di Luigi Rubinelli
14.12.2017
Morace/FCL: la privacy difenderà l’informazione etica e il consumo
Scenari
Morace/FCL: la privacy difenderà l’informazione...
Dice Francesco Morace, Presidente di FutureConceptLab, che la comunicazione è il ponte fra le...
di Luigi Rubinelli
12.10.2017
Nielsen/Linkontro Morace-FCL: fiducia, felicità, riconoscenza
In primo piano
1 RWCOIN
Nielsen/Linkontro Morace-FCL: fiducia, felicità...
di Luigi Rubinelli
24.05.2017
Morace/FCL: vi anticipo i trend della comunicazione
Scenari
1 RWCOIN
Morace/FCL: vi anticipo i trend della...
di Luigi Rubinelli
26.12.2016
Chi sono i consumautori di Francesco Morace
Tendenze
1 RWCOIN
Chi sono i consumautori di Francesco Morace
di Luigi Rubinelli
18.10.2016
Morace/FCL: vi anticipo i trend della comunicazione
Scenari
1 RWCOIN
Morace/FCL: vi anticipo i trend della...
di Luigi Rubinelli
10.10.2016
Morace-FCL: il retail oltre l’on/off line
Ricerche
1 RWCOIN
Morace-FCL: il retail oltre l’on/off line
di Luigi Rubinelli
27.01.2016
Morace: crescita felice si e creando valore
Scenari
1 RWCOIN
Morace: crescita felice si e creando valore
di Luigi Rubinelli
29.08.2015
Morace-FCL: includere singolarità e alternative
Scenari
1 RWCOIN
Morace-FCL: includere singolarità e alternative
di Luigi Rubinelli
15.07.2015
LOADING