Menu
 
Home Consumatore > Scenari > Il 56% dei consumatori non si fida dei prodotti industriali, sia della GDO sia dell’IDM
Il 56% dei consumatori non si fida dei prodotti industriali, sia della GDO sia dell’IDM
27.09.2018
Autore
Luigi Rubinelli Direttore Responsabile
In un recente studio di Nielsen (Global health and ingredient-sentiment survey) è possibile accennare ad alcuni trend di consumo che stanno impattando sulle strategie delle aziende del largo consumo...


Il 56% dei consumatori non si fida dei prodotti industriali, sia della GDO sia dell’IDM

 
Settembre 2018. In un recente studio di Nielsen (Global health and ingredient-sentiment survey) è possibile accennare ad alcuni trend di consumo che stanno impattando sulle strategie delle aziende del largo consumo.
 
Sono trend di breve e medio periodo sui quali conviene riflettere:
 
I retailer
. Stanno cambiando la struttura e la scala prezzi degli assortimenti,
. Stanno sviluppando le MDD, le marche del distributore, mettendo al centro i processi di trasparenza. In alcune categorie sono diventate leader di mercato.
 
I produttori
. Stanno seguendo i trend di consumo (cioè non li stanno anticipando, ma ne sono al traino) e escludono dai prodotti alcuni ingredienti e alcune materie prime,
. In alcuni casi stanno acquisendo piccole aziende di nicchia, focalizzate anch’esse sulla trasparenza.
 
Chi non si fida dei prodotti industriali dell’IDM e della GDO
Ma il dato sul quale sia i retailer sia i produttori stanno riflettendo è un altro:
 
. Il 56% dei consumatori a livello globale non si fidano dei prodotti industriali.
 
Prodotti industriali vuol dire sia i prodotti confezionati (percepiti come industriali) dell’IDM sia delle MDD.
È un dato preoccupante che segna un nuovo ciclo di comportamenti di acquisto e di consumo. A poco servono gli investimenti pubblicitari classici incentrati sul brand e il suo valore, a poco servono gli investimenti pubblicitari sui social media se non si cercano nuove strade per il racconto o il resoconto del brand e del prodotto. Infatti la forbice dei benefit si è allargata e nel ramificarsi ha prodotto nuovi interessi da parte del consumatore, che adesso li esige sempre e pensa debbano essere benefit primari.
 
Il primo, grande tema è quello della trasparenza, declinabile in:
. ambientale,
. sociale,
. di prodotto.
 
È però difficile raccontarla in chiave storica e prospettica soprattutto per alcuni brand e alcuni prodotti che di ambiente non si sono mai occupati, figuriamoci di società:
. Alcune aziende tentano la via del green-washing, più o meno marcato,
. Altre rinunciano alla storia e imboccano il sentiero del futuro e del servizio.
 
Entrambe le strade hanno problemi di esecuzione e di approfondimento.
 
Perché sono strade tattiche e non risolvono il problema.
 
I distributori ormai sono assimilabili ai produttori (Esselunga è un produttore, IlViaggiatorGoloso non è un produttore in senso stretto ma studia in proprio i prodotti e li fa realizzare da terzi) e c’è il rischio di creare una sola grande categoria (produttori+distributori) che deve rispondere a quel:
 
. 56%  di consumatori che non si fida dei prodotti industriali.
 
Se questo ragionamento è plausibile, forse conviene:
. riflettere su una nuova vision,
. implementare una nuova mission,
sia per le imprese dell’IDM sia per i retailer della GDO.
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



0 Commenti
Non sono presenti commenti
Ultimo sondaggio 01.10.2018
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

L’Agcm (Antitrust) apre sei istruttorie sul pane di 6 imprese della GDO
In primo piano
L’Agcm (Antitrust) apre sei istruttorie sul...
L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha aperto sei istruttorie nei...
di Giovanni Esposito
27.09.2018
Il non food cresce ancora nella GDO, ma non in modo soddisfacente
In primo piano
Il non food cresce ancora nella GDO, ma non in...
Sono pochi i comparti in cui le quote di mercato delle GSA sono rilevanti sul totale: anche...
di Giovanni Esposito
23.09.2018
 Lanci di prodotto: inefficacia promozionale ma anche miopia di mercato
Analisi dei prodotti
Lanci di prodotto: inefficacia promozionale ma...
La tabella che RetailWatch pubblica in questo articolo merita un momento di riflessione per l...
di Luigi Rubinelli
20.09.2018
 Le GSS del non food vanno abbastanza bene, la GDO al confronto flette
Ricerche
Le GSS del non food vanno abbastanza bene, la...
Nei primi mesi del 2018, dopo il vivace risultato del 2017, le vendite della Gdo italiana...
di Luigi Rubinelli
19.09.2018
Caterina Crepax e l’interpretazione dei brand della GDO e dell’IDM
Analisi di branding
Caterina Crepax e l’interpretazione dei brand...
Il tema dell’edizione de Linkontro-Nielsen 2018 è stato: “Near-future landscapes...
di Eros Casula
16.09.2018
I conti della GDO peggiorano, quelli dell’IDM migliorano
Ricerche
I conti della GDO peggiorano, quelli dell’IDM...
A DISPETTO del positivo andamento delle vendite della Gdo dello scorso anno, nel 2017 non...
di Luigi Rubinelli
13.09.2018
Bassi-Pedroni: Coop è diversa dalla GDO. In tutti i sensi
In primo piano
Bassi-Pedroni: Coop è diversa dalla GDO. In...
La Coop è una cooperativa di consumatori, la sua ragione giuridica, le sue finalità, il suo...
di Luigi Rubinelli
10.09.2018
Assortimenti della GDO in ampliamento. O in ristrutturazione? O…
Analisi dei prodotti
Assortimenti della GDO in ampliamento. O in...
La tabella di IRi è molto chiara: si stanno ampliando gli assortimenti di tutti i canali della...
di Luigi Rubinelli
31.08.2018
Quanto vale il mercato dei freschi al di fuori della GDO?
Analisi dei prodotti
Quanto vale il mercato dei freschi al di fuori...
In Italia i Freschi vengono acquistati in 6 canali distributivi: oltre alla GDO, suddivisa in....
di Eros Casula
25.08.2018
Sconti nella GDO: l’IDM crede che la soglia sia il 42%
Ricerche
Sconti nella GDO: l’IDM crede che la soglia sia...
Qual è la soglia massima entro la quale i clienti della GDO non modificano i loro...
di Giovanni Esposito
18.08.2018
Brand dell’IDM e delle MDD hanno un futuro certo. A patto che…
Analisi di branding
Brand dell’IDM e delle MDD hanno un futuro...
Dice Guido Cristini, ordinario di marketing operativo e category management all&rsquo...
di Eros Casula
18.08.2018
La crisi della GDO è iniziata nel 2004, ben prima della Lehman Brothers
Ricerche
La crisi della GDO è iniziata nel 2004, ben...
Per convenzione, per abitudine, per acquiescenza (o più semplicemente perché non si ha tempo...
di Luigi Rubinelli
15.08.2018
LOADING