Menu
 
Home Retail > Ricerche > Le centrali di acquisto hanno ancora un valore? Dipende
Le centrali di acquisto hanno ancora un valore? Dipende
06.08.2018
Autore
Luigi Rubinelli Direttore Responsabile
La ricostruzione delle centrali di acquisto in Italia di RetailWatch forse pecca per schematismo, ma serve per...


Le centrali di acquisto hanno ancora un valore? Dipende

Luglio 2018. La ricostruzione delle centrali di acquisto in Italia di RetailWatch forse pecca per schematismo, ma serve per:
. fare il punto della situazione,
. vedere le quote di mercato,
. ragionare sull’evoluzione.
 
Qualche anno fa l’Ad di Procter&Gamble, Sami Kahale (adesso Dg di Esselunga) fece un intervento interessante a Linkontro Nielsen: dopo anni di sostanziale parità nella contribuzione fatta come dire? A pioggia, spiegò che la contribuzione doveva passare necessariamente sul valore svolto da ogni singola insegna, anzi da ogni singolo negozio, nell’evidenziare il percorso di messa sul campo del lancio di singoli prodotti dell’IDM, della loro valorizzazione nelle promozioni, nella loro evidenziazione a scaffale, nel rispetto dei valori della contribuzione e degli investimenti a supporto.
 
Difficile dire se questo programma è stato poi sviluppato e radicalizzato sul territorio. Dipende da insegna a insegna, da location a location.
 
Il sell in è ancora alla base dell’operatività del retail italiano. Il sell out un po’ meno e la contribuzione dell’IDM gioca un ruolo evidente nei bilanci dei retailer italiani, con punte, per quel che RetailWatch può vedere, del 18%.
 
Ci si è mosso di più in questi anni è stato AiCube e il suo principale attore, Gruppo Végé, basta vedere la sua quota all’interno dell’aggregato, il 4,2%.
 
A quel che risulta a RetailWatch sta cambiando il ruolo delle centrali: da gruppi di mera contrattazione con l’IDM stanno diventando, alcune per lo meno, centrali di marketing con scambio significativo di esperienze e di informazioni.
 
Resta il fatto che alcune vivono nello splendido isolamento.
 
La tabella qui sotto alla voce altri, troviamo tutti i discounter (ancora non viene contabilizzato Aldi e Leader Price, lo saranno nel 2019; ma i discount hanno una prevalenza di MDD importante, come la retail community sa bene), ma anche Esselunga (con una quota del 9%, che è poi la quota di mercato al dettaglio), Bennet, Rewe e altri ancora. Continueranno ancora nello splendido isolamento o vorranno entrare in qualche centrale? Dipenderà ovviamente dai benefici che saranno loro offerti e se effettivamente riporteranno differenze significative nel conto economico.
 
Quel che conta è il graduale passaggio da centrali di mero acquisto a centrali di marketing e di informazione.
 
Dipenderà ovviamente anche dagli investimenti dell’IDM nel trade marketing, che, nel frattempo si stanno diversificando verso i canali dell’e-commerce (Amazon ma non solo) e altre operation.
 


Eurospin (5,9), Lidl (3,4), MD (2,5), Rewe (1,3), Gruppo Brio, Bennet (1,6) , Tuo (0,1), S&C, Esselunga (9), Italy Discount (03)
 
Fonte: elaborazioni su dati Nielsen, 2018
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



0 Commenti
Non sono presenti commenti
Ultimo sondaggio 01.10.2018
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

Esselunga va in Borsa. In nome della omnicanalità. Però dipende
In primo piano
Esselunga va in Borsa. In nome della...
Il primo a dare notizia della possibilità di una Ipo in Borsa è stato IlMessaggero più di 1...
di Luigi Rubinelli
12.10.2018
 Gli italiani sono i più infedeli d’Europa: 6,6 canali visitati in un anno
Ricerche
Gli italiani sono i più infedeli d’Europa: 6,6...
Sotto la spinta di un nuovo sistema di valori e incoraggiati dal reticolo della comunicazione...
di Giovanni Esposito
11.10.2018
Nielsen-PoliMi: le persone vogliono risparmiare tempo e essere considerate
Ricerche
Nielsen-PoliMi: le persone vogliono risparmiare...
Dice Giuliano Noci, Ordinario di marketing e strategie al PoliMi e Responsabile Scientifico...
di Luigi Rubinelli
09.10.2018
EsselungaACasa si espande a Roma
In primo piano
EsselungaACasa si espande a Roma
Esselungaacasa, la spesa on line di Esselunga, apre il servizio di spesa on line alla città di...
di Eros Casula
08.10.2018
 Nell’e-commerce irrompono 4 mio di persone in più, dei quali 2,5 mio attivi
Ricerche
Nell’e-commerce irrompono 4 mio di persone in...
Internet e il digitale sono sempre più presenti nelle abitudini di acquisto degli italiani...
di Eros Casula
05.10.2018
Esselunga e la spesa con Google
Analisi dei prodotti
Esselunga e la spesa con Google
Da qualche giorno, Esselunga “parla” con i propri clienti anche grazie all'...
di Eros Casula
06.09.2018
La crisi della GDO è iniziata nel 2004, ben prima della Lehman Brothers
Ricerche
La crisi della GDO è iniziata nel 2004, ben...
Per convenzione, per abitudine, per acquiescenza (o più semplicemente perché non si ha tempo...
di Luigi Rubinelli
15.08.2018
 Esselunga e le aste elettroniche e lo sfruttamento delle persone
In primo piano
Esselunga e le aste elettroniche e lo...
Esselunga ha rilasciato questo comunicato stampa.
di Giovanni Esposito
14.08.2018
Le centrali di acquisto hanno ancora un valore? Dipende
Ricerche
Le centrali di acquisto hanno ancora un valore?...
La ricostruzione delle centrali di acquisto in Italia di RetailWatch forse pecca per...
di Luigi Rubinelli
12.07.2018
Il gradimento delle promozioni secondo CFI Group: Esselunga, ma non solo…
Ricerche
Il gradimento delle promozioni secondo CFI...
I consumatori consultano meno le informazioni sulle promozioni. D'altronde le meccaniche...
di Luigi Rubinelli
05.07.2018
Ecco chi ha la carta fedeltà più performante del retail italiano. Esselunga?
Ricerche
Ecco chi ha la carta fedeltà più performante...
Esselunga ha una produttività di vendite al mq superiore ai 17.000 euro. È un record italiano...
di Luigi Rubinelli
28.06.2018
La crisi della GDO è iniziata nel 2004, ben prima della Lehman Brothers
Ricerche
La crisi della GDO è iniziata nel 2004, ben...
Per convenzione, per abitudine, per acquiescenza (o più semplicemente perché non si ha tempo...
di Luigi Rubinelli
28.06.2018
LOADING