Menu
 
Home Retail > Ricerche > La crisi della GDO è iniziata nel 2004, ben prima della Lehman Brothers
La crisi della GDO è iniziata nel 2004, ben prima della Lehman Brothers
28.06.2018
Autore
Luigi Rubinelli Direttore Responsabile
Per convenzione, per abitudine, per acquiescenza (o più semplicemente perché non si ha tempo-voglia di scavare negli archivi), tutti diciamo che la crisi dei consumi, e quindi della GDO e delle sue vendite, è iniziata nel 2008-2009 con la crisi finanziaria importata dal crollo della Lehman Brothers e dei suoi...


La crisi della GDO è iniziata nel 2004, ben prima della Lehman Brothers

Giugno 2018. Per convenzione, per abitudine, per acquiescenza (o più semplicemente perché non si ha tempo-voglia di scavare negli archivi), tutti diciamo che la crisi dei consumi, e quindi della GDO e delle sue vendite, è iniziata nel 2008-2009 con la crisi finanziaria importata dal crollo della Lehman Brothers e dei suoi derivati infetti.
 
In realtà la crisi delle vendite della GDO è iniziata quattro anni prima, nel 2004.
 
Guardate questa tabella composta incrociando dati Nielsen e IRi senza nuove aperture.
 

 
Dunque, come i dati dimostrano, la crisi è iniziata nel 2004. In quell’anno inizia il segno -, che raffrontato con il 2003 fa perdere ai canali della GDO ben 5,2 punti. Il 2017 è tornato in positivo.
 
Perché questi dati sono importanti e non vanno sottaciuti. Perché la crisi delle vendite è una crisi di modello, basato sul supermercato dello scatolame e non dei servizi con l’occhio attento alle vendite e all’innovazione e alla customer journey allungata. I retailer hanno continuato a incamerare benefici contrattuali provenienti dall’IDM, fino al 15% del loro fatturato e non si sono (o lo hanno fatto poco) concentrati sul loro vero mestiere, che è quello di vendere, dopo aver bene comperato. Se aggiungiamo che l’efficacia delle attività promozionali è negativa già da qualche anno, voi capite bene che c’è più di qualcosa che non va.
 
Il riferimento delle vendite alimentari è la GDO, ovviamente, dove la competizione orizzontale fra retailer si sta facendo aspra, ma esistono molteplici canali dove le persone acquistano i prodotti alimentari, di alto di gamma e di basso prezzo: mercati ambulanti, in sede fissa, mercati all’ingrosso, gruppi di acquisto solidale, negozi tradizionali, grandi superfici specializzate (dal salmone dell’Ikea ai vini di Viridea, ma l’elenco è lunghissimo), negozi dei produttori, degli artigiani e chi più ne ha ne metta. Aggiungiamo anche l’auto-produzione, difficilmente quantificabile, ma tendenzialmente in espansione e il quadro è fatto.
 
Anzi no. Perché dobbiamo aggiungere tutti i tipi di ristorazione e di horeca esistenti che, di fatto, fanno concorrenza alle insegne della GDO. D'altronde a mezzogiorno se una persona va in pizzeria non può andare contemporaneamente ad acquistare un piatto pronto in un supermercato, non è vero?
 
Sono appunti giornalistici supportati da molte evidenze che, come dicevamo, devono far riflettere sia sul modello di business, sia sulle tendenze del retail in atto. Cioè: serve un ripensamento a 360° con una vision diversa dal passato.
 
Il 94% delle vendite totali del retail passa ancora dai negozi fisici. Ma bisogna anche ricordare che:
. l’85% della popolazione usa lo smart phone abitualmente,
. il 79% del tempo speso on line proviene dal mobile phone,
.  il 90% del tempo speso su mobile proviene dalle APP.
 
Il problema da risolvere è nella customer journey, che si è articolata vieppiù in questi anni.
 
Nell’acquisto il cliente chiede:
. ispirazione anche nello scaffale a self service,
. avere dei consigli (la panettiera dell’Esselunga di Papiniamo-Milano, mi ha consigliato recentemente i tortellini sfarinati, ero perplesso ma li ho acquistati e il rapporto qualità-prezzo è eccellente),
. avere a disposizione immediatamente il prodotto che cerca,
. di toccare il prodotto nel negozio,
. di avere informazioni veritiere e comprovate,
. e infine di pagare il giusto.
 
Morale della favola: ripensate il retail e i clienti ve ne saranno grati.
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



0 Commenti
Non sono presenti commenti
Ultimo sondaggio 01.10.2018
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

L’on line del food cresce del 40% ma con prezzi più alti dell’off line
Analisi dei prodotti
L’on line del food cresce del 40% ma con prezzi...
IRI, leader mondiale nella gestione di big data, soluzioni analitiche predittive e generazione...
di Eros Casula
22.10.2018
 Gli italiani sono i più infedeli d’Europa: 6,6 canali visitati in un anno
Ricerche
Gli italiani sono i più infedeli d’Europa: 6,6...
Sotto la spinta di un nuovo sistema di valori e incoraggiati dal reticolo della comunicazione...
di Giovanni Esposito
11.10.2018
Nielsen-PoliMi: le persone vogliono risparmiare tempo e essere considerate
Ricerche
Nielsen-PoliMi: le persone vogliono risparmiare...
Dice Giuliano Noci, Ordinario di marketing e strategie al PoliMi e Responsabile Scientifico...
di Luigi Rubinelli
09.10.2018
 Nell’e-commerce irrompono 4 mio di persone in più, dei quali 2,5 mio attivi
Ricerche
Nell’e-commerce irrompono 4 mio di persone in...
Internet e il digitale sono sempre più presenti nelle abitudini di acquisto degli italiani...
di Eros Casula
05.10.2018
L’Agcm (Antitrust) apre sei istruttorie sul pane di 6 imprese della GDO
In primo piano
L’Agcm (Antitrust) apre sei istruttorie sul...
L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha aperto sei istruttorie nei...
di Giovanni Esposito
27.09.2018
 Il 56% dei consumatori non si fida dei prodotti industriali, sia della GDO sia dell’IDM
Scenari
Il 56% dei consumatori non si fida dei...
In un recente studio di Nielsen (Global health and ingredient-sentiment survey) è possibile...
di Luigi Rubinelli
27.09.2018
IRi vede nero per il 2018, ma non come il 2017
Ricerche
IRi vede nero per il 2018, ma non come il 2017
IRI, leader mondiale nelle informazioni di mercato per il Largo Consumo, il Retail e lo...
di Eros Casula
25.09.2018
Il non food cresce ancora nella GDO, ma non in modo soddisfacente
In primo piano
Il non food cresce ancora nella GDO, ma non in...
Sono pochi i comparti in cui le quote di mercato delle GSA sono rilevanti sul totale: anche...
di Giovanni Esposito
23.09.2018
 Lanci di prodotto: inefficacia promozionale ma anche miopia di mercato
Analisi dei prodotti
Lanci di prodotto: inefficacia promozionale ma...
La tabella che RetailWatch pubblica in questo articolo merita un momento di riflessione per l...
di Luigi Rubinelli
20.09.2018
 Le GSS del non food vanno abbastanza bene, la GDO al confronto flette
Ricerche
Le GSS del non food vanno abbastanza bene, la...
Nei primi mesi del 2018, dopo il vivace risultato del 2017, le vendite della Gdo italiana...
di Luigi Rubinelli
19.09.2018
Caterina Crepax e l’interpretazione dei brand della GDO e dell’IDM
Analisi di branding
Caterina Crepax e l’interpretazione dei brand...
Il tema dell’edizione de Linkontro-Nielsen 2018 è stato: “Near-future landscapes...
di Eros Casula
16.09.2018
I conti della GDO peggiorano, quelli dell’IDM migliorano
Ricerche
I conti della GDO peggiorano, quelli dell’IDM...
A DISPETTO del positivo andamento delle vendite della Gdo dello scorso anno, nel 2017 non...
di Luigi Rubinelli
13.09.2018
LOADING