Menu
 
Home Retail > Ricerche > Pratiche commerciali sleali: la proposta De Castro vista dai retailer
Pratiche commerciali sleali: la proposta De Castro vista dai retailer
29.05.2018
Autore
Luigi Rubinelli Direttore Responsabile
L’onorevole Paolo De Castro ha lanciato recentemente in commissione agricoltura una “Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO in materia di pratiche commerciali sleali nei rapporti tra imprese nella filiera alimentare”.

Pratiche commerciali sleali: la proposta De Castro vista dai retailer

Maggio 2018. L’onorevole Paolo De Castro ha lanciato recentemente in commissione agricoltura una “Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO in materia di pratiche commerciali sleali nei rapporti tra imprese nella filiera alimentare”.
 
In Francia la legislazione commerciale è sempre in mutamento, da noi un pò meno. Rimane l’art.62 sui pagamenti che dopo una fiammata di discussion anche accanite, è stato assorbito dal sistema senza grandi scossoni.
 
La direttiva sulle pratiche commerciali sleali prende le mosse dalla filiera Agricola ma ovviamente si estende a tutto il settore dell’alimentare.
 
Le sue motivazioni sono:
Necessità nel breve e lungo termine
La presente proposta mira a limitare le pratiche commerciali sleali nella filiera alimentare garantendo un livello minimo di tutela in tutta l'UE attraverso un quadro normativo che vieti le pratiche commerciali sleali più gravi e offra possibilità di ricorso. Eliminando un ostacolo all'efficienza, la proposta migliorerà inoltre il funzionamento della filiera alimentare in generale.
 
Risultati e incidenza previsti
1. Ridurre la frequenza delle pratiche commerciali sleali
2. Contribuire a garantire condizioni di parità
3. Rendere possibile un meccanismo di ricorso efficace
Impatto: miglioramento della posizione dei produttori agricoli nella filiera alimentare con un conseguente effetto positivo sul loro reddito.
 
Indicatori di risultato e di incidenza
1. Frequenza dichiarata dalle imprese relativamente a ciascuna pratica commerciale sleale considerata (percentuale delle imprese dichiaranti e frequenza dichiarata, costi percepiti connessi alle pratiche commerciali sleali)
1. Costi di conformità per le imprese
1. Potenziali effetti di diversione degli scambi a scapito dei soggetti tutelati
2. Allineamento nell'applicazione delle norme in materia di pratiche commerciali sleali (ad esempio: numero di modifiche alle norme nazionali necessarie per uniformare le pratiche)
2. Numero di raccomandazioni adottate sulle migliori pratiche
2. Costi amministrativi dichiarati per gli Stati membri
2. Evoluzione relativa dei prezzi alla produzione e al consumo
3. Numero di denunce ricevute (anche in forma anonima)
3. Numero di incontri di mediazione, se del caso
3. Numero di indagini avviate (di propria iniziativa o su richiesta)
3. Percentuale di casi di accertamento della violazione.
 
Scarica qui la Proposta di Direttiva
 
RetailWatch ha volute sentire il parere dei retailer. Settimana prossima pubblicheremo anche gli orientamenti dell’IDM.
 

 
Giorgio Santambrogio, Presidente di ADM. “Dalla discriminazione alla differenziazione delle condizioni di vendita” attenzione, dice Santambrogio che sono due concetti molto diversi fra loro. Se l’intenzione di De Castro è colpire i monopoli ben venga, ma la differenziazione nelle negoziazione è alla base di tutto e deve essere lasciata al libero mercato.
 

 
Per Marco Pedroni, president di Coop Italia, questa inziativa parte dai grandi gruppi industriali che nulla hanno a che fare con la tutela dei piccoli agricoltori. Le industrie hanno mostrato in questi anni troppa disinvoltura nelle loro politiche di vendita, mente è toccata ai retailer contrastare l’inflazione con politiche di prezzi deflazionistici.
 

 
“E’ una nuova inziaitiva della dimensione, ma non nella filosofia, dice Maniele Tasca, Direttore generale di Selex, perchè entra in meccanismi che dovrebbero essere regolamentati dal libero mercato. Bisogna mettere i puntino sulle i quando si parla di rapporti industria-distribuzione. E per farlo bisogna che il mercato sia libero. L’art. 62 ha dimostrato con le best practice sui pagamenti che si possono mettere norme scritte senza interferire nei meccanismi di base.
 
Le interviste sono state raccolte durante Linkontro Nielsen 2018.
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



0 Commenti
Non sono presenti commenti
Ultimo sondaggio 03.06.2018
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

Gruppo Végé presenta la proximity marketing all’IDM
Merchandising & Promozioni
Gruppo Végé presenta la proximity marketing all...
Ancora una volta Gruppo VéGé si conferma come la realtà nazionale della Moderna...
di Giovanni Esposito
22.06.2018
Domenico Brisigotti e il nuovo direttore commerciale di Coop Italia
In primo piano
Domenico Brisigotti e il nuovo direttore...
Coop Italia, un nuovo Direttore CommercialeFood. E’ Domenico Brisigotti, 55 anni...
di Eros Casula
19.06.2018
Le nicchie di prodotto e di categoria saranno il nuovo Mainstream
Analisi dei prodotti
Le nicchie di prodotto e di categoria saranno...
Il ruolo assunto dalle categorie Premium e Superpremium è dovuto al prezzo di vendita. Secondo...
di Giovanni Esposito
25.05.2018
Riconoscimento facciale: perché si può fare. Il caso Végé
Ricerche
Riconoscimento facciale: perché si può fare. Il...
Recentemente il Gruppo Végé ha presentato un esperimento sul riconoscimento facciale nel suo...
di Luigi Rubinelli
25.05.2018
Tasca-Selex: nel food c’è troppo spazio alla disinformazione
Analisi dei prodotti
Tasca-Selex: nel food c’è troppo spazio alla...
Per stare sul mercato oggi, afferma Maniele Tasca, Dg di Selex, intervenuto in un recente...
di Eros Casula
22.05.2018
Viva la crisi, c’è spazio! La storia di MD raccontata da Patrizio Podini
In primo piano
Viva la crisi, c’è spazio! La storia di MD...
Questa intervista di Patrizio Podini, Presidente di MD, non è il riassunto della vita di MD...
di Giovanni Esposito
21.05.2018
Unicomm/Selex rilancia anche il superstore. Partendo da Mestre
In primo piano
Unicomm/Selex rilancia anche il superstore...
Il Gruppo Unicomm di Vicenza (associato a Selex Gruppo Commerciale) ha inaugurato un nuovo...
di Giovanni Esposito
17.04.2018
Santambrogio/Gruppo Végé: il retail è relazione
In primo piano
Santambrogio/Gruppo Végé: il retail è relazione
Il retail nella DO è un sistema vivo, effervescente e in continuo fisiologico cambiamento: non...
di David J. Ramirez
09.04.2018
CosìComodo (Selex) rinuncia alla domenica, ma dopo 1 anno è soddisfatto
In primo piano
CosìComodo (Selex) rinuncia alla domenica, ma...
Zitta zitta la piattaforma di e-commerce CosìComodo ha compiuto un anno di attività. Ai primi...
di Luigi Rubinelli
06.03.2018
Per contrastare i discount ci vuole una MDD Mainstream forte, dice Tasca-Selex
In primo piano
Per contrastare i discount ci vuole una MDD...
I distributori oggi e in futuro dovranno scegliere. C’è una sfida di efficienza da fare...
di Luigi Rubinelli
14.02.2018
Latini/Coop Italia: nella MDD devono esserci i valori della mission
In primo piano
Latini/Coop Italia: nella MDD devono esserci i...
La MDD, la marca del distributore, si deve dotare di una sua particolare sensibilità per...
di Luigi Rubinelli
22.01.2018
ADM (GDO) creerà con IBC (IDM) una nuova GS1-Ecr/Indicod, basata su…
In primo piano
ADM (GDO) creerà con IBC (IDM) una nuova GS1...
ntervenendo a Marca2018, Giorgio Santambrogio, presidente di ADM ha voluto sottolineare il...
di Luigi Rubinelli
18.01.2018
LOADING