Menu
 
Home Retail > Ricerche > In attesa di Aldi: siete sicuri che non sia meglio studiare la Germania degli Usa?
In attesa di Aldi: siete sicuri che non sia meglio studiare la Germania degli Usa?
08.11.2017
Autore
Luigi Rubinelli Direttore Responsabile
Molti retailer guardano con attenzione nei loro viaggi ai retailer Usa, bene. Poco in Francia, forse per la crisi del format dell’ipermercato, poco in Gran Bretagna, pochissimo in Svezia...


In attesa di Aldi: siete sicuri che non sia meglio studiare la Germania degli Usa?

Novembre 2017. Molti retailer guardano con attenzione nei loro viaggi ai retailer Usa, bene. Poco in Francia, forse per la crisi del format dell’ipermercato, poco in Gran Bretagna, pochissimo in Svezia.
 
Quasi per nulla in Germania.
 
Eppure con l’ingresso di Aldi ( e di altri retailer tedeschi), il rafforzamento di Lidl, il rafforzamento e l’allargamento di MD, la stabilizzazione di Europin, la Germania è un ottimo osservatorio per vedere come sta cambiando il discount tedesco.
 
Questo il quadro dei principali discounter in Germania:
 

 
Lo sviluppo della fine del ‘900 e primi anni ’00 è quasi un ricordo. Questi tassi di di nuove aperture si sono ridimensionati a causa della saturazione delle location (è facile trovare un Aldi a fianco di un Lidl) e della competizione fuori da questo canale. È altrettanto vero che tutti i discounter hanno iniziato un ampio piano di rinnovamento e di differenziazione aumentando la complessità del formato sia fisico sia on line ristrutturando gli assortimenti, le scale prezzi, la logistica per ridurre i costi. Ma anche il costo e l’utilizzo del personale. In parallelo hanno iniziato a sostituire il personale di vendita con nuovi giovani molto più formati che nel passato e aumentando i loro stipendi e i loro benefit.
 
Guardate, ad esempio, la segmentazione dei concept operata da Lidl:
 

 
Con l’on line la conoscenza del consumatore da parte dei discounter è aumentata ed è quindi maggiore l’influenza per determinare gli acquisti.
 
Nell’operatività va sottolineata:
. l’allargamento del non food (30% delle vendite),
. riduzione degli assortimenti permanenti,
. nuovi spazi promozionali-stagionali e di occasione,
. l’uso del pallet retailing per i rifornimenti,
. riformulazione delle categorie,
. negozi più accoglienti,
. sostenibilità.
 
Il tutto sta avvenendo in:
. una società sempre più multietnica, aumento della popolazione anziana,
. trading up di tutti i canali di vendita, sia nelle MDD, le marche del distributore, sia nelle principali categorie, con nuove linee premium, bio, e prodotti naturali.
 
Questo, qualitativamente il quadro sociale nel quale sono avvenuti i maggiori cambiamenti appena ricordati, che sono anche i periodi storici che hanno vissuto gli italiani:
. Anni pre-crisi: prezzo basso, aumento della pressione promozionale, internet gratis
. Anni della crisi: prezzi bassi, ma armadi pieni, entra l’edlp,
. Anni odierni: lotta allo spreco, riciclo dei prodotti, abitudini di consumo e acquisti più consapevoli e autosufficienti
 
Il nuovo posizionamento del discount dunque è e sarà maggiormente:
. basso prezzo e alta qualità.
 
Vogliamo però tentare un parallelo Italia-Germania su quanto sta succedendo:
. crescita quali-quantitativa del discount,
. crescita delle MDD e delle scale prezzi MDD, le marche del distributore, più qualità e prodotti stagionali, prodotti fairtrade, prodotti bio, prodotti premium,
. crescita di altri canali, GSS ma anche negozi con soli prodotti sfusi, senza pack,
. aumento del localismo,
. in Germania i discounter (specie Lidl) compara le sue MDD con i brand dell’IDM, non sulla qualità, ma sul prezzo,
. aumenta della  condizione soddisfatti o rimborsati,
. aumento della garanzia di qualità dell’insegna,
. aumento delle APP, sfogliatori di volantini, comparatore di prezzi, suggeritore si servizi, informazioni.
 
Siete proprio sicuri non valga la pena studiare la Germania e soprattutto i discount tedeschi?
 
Nei prossimi giorni pubblicheremo alcuni articoli (solo per gli abbonati) sui retailer tedeschi. A giudizio di RetailWatch ci sono davvero importanti novità, nella strategia e nell’operatività e nell’esecuzione. Buona lettura.
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



0 Commenti
Non sono presenti commenti
Ultimo sondaggio 01.10.2018
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

Ma Aldi è honest, onesto? E questo cosa vuol dire?
In primo piano
Ma Aldi è honest, onesto? E questo cosa vuol...
La foto ritrae la comunicazione in store di un negozio Aldi in Usa...
di Luigi Rubinelli
11.10.2018
Perché Tesco rinnova la multicanalità lanciando il discount Jack’s?
In primo piano
Perché Tesco rinnova la multicanalità lanciando...
Ufficialmente Tesco dice di aver lanciato il proprio discount per celebrare i 100 anni di...
di Luigi Rubinelli
10.10.2018
Ma per il momento Aldi non sta facendo la guerra dei prezzi. In futuro…
Ricerche
Ma per il momento Aldi non sta facendo la...
RetailWatch ha lanciato lo scorso mese di marzo un sondaggio sul sentiment dei retailer versus...
di Luigi Rubinelli
01.08.2018
La plastica è un problema grave. Il retail italiano non se ne sta occupando
Analisi dei prodotti
La plastica è un problema grave. Il retail...
Mario Gasbarrino, Ad di U2-Unes/Finiper l’8 giugno scorso ha twittato...
di Luigi Rubinelli
15.06.2018
Aldi, attraverso la lente del branding
Analisi di branding
Aldi, attraverso la lente del branding
Aldi è arrivato, con piani importanti di espansione territoriale. Impossibile non fare un...
di Silvia Barbieri
28.05.2018
Aldi ha aperto 25 dei 40 negozi del 2018
In primo piano
Aldi ha aperto 25 dei 40 negozi del 2018
ALDI, la multinazionale attiva nel settore della Grande Distribuzione Organizzata, ha...
di Eros Casula
15.05.2018
Il secondo cedi di Aldi a Landriano (Pv)
In primo piano
Il secondo cedi di Aldi a Landriano (Pv)
ALDI, la multinazionale attiva nel settore della Grande Distribuzione Organizzata, prosegue il...
di Eros Casula
08.05.2018
Ma per il momento Aldi non sta facendo la guerra dei prezzi. In futuro…
Ricerche
Ma per il momento Aldi non sta facendo la...
RetailWatch ha lanciato lo scorso mese di marzo un sondaggio sul sentiment dei retailer versus...
di Luigi Rubinelli
19.04.2018
Leggete la case history di Aldi e Lidl in UK. Una dura lezione
Ricerche
Leggete la case history di Aldi e Lidl in UK...
In Gran Bretagna l’e-commerce è già all’8% di tutti gli acquisti food. Ma c&rsquo...
di
12.04.2018
Aldi e Lidl sono singole insegne, o supermercati o discount?
Ricerche
Aldi e Lidl sono singole insegne, o...
A distanza di qualche settimana dalle quindici aperture di Aldi in Italia proviamo a vedere le...
di Luigi Rubinelli
29.03.2018
Ecco i prezzi dell’ortofrutta di Aldi, subito dopo le prime 10 aperture
Analisi dei prodotti
Ecco i prezzi dell’ortofrutta di Aldi, subito...
RetailWatch ha già pubblicato i prezzi dei brand dell’IDM dell’industria di marca...
di Eros Casula
03.03.2018
Aldi ha aperto contemporaneamente 10 pdv. Ecco i prezzi
In primo piano
Aldi ha aperto contemporaneamente 10 pdv. Ecco...
Il negozio di Piacenza ha un layout irregolare, si entra sulla sinistra. Per il resto è eguale...
di Luigi Rubinelli
01.03.2018
LOADING