Menu
 
Home Retail > Ricerche > Discount in UK: una crescita dell’11% all’anno, il ruolo di Lidl e Aldi
Discount in UK: una crescita dell’11% all’anno, il ruolo di Lidl e Aldi
05.10.2017
Autore
Luigi Rubinelli Direttore Responsabile
Dice Kantar che 2016 versus 2015 il discount (soprattutto Aldi e Lidl) sono cresciuti dell’11% e hanno adesso una quota di mercato del 9,2%...


Discount in UK: una crescita dell’11% all’anno, il ruolo di Lidl e Aldi


Settembre 2017. Dice Kantar che 2016 versus 2015 il discount (soprattutto Aldi e Lidl) sono cresciuti dell’11% e hanno adesso una quota di mercato del 9,2%.
 
Permetteteci alcuni ragionamenti.
 
. Il segmento del discount 10 anni fa era un decimale della quota di oggi. Le insegne erano altre. Apri anche Walmart con Asda, ma la somiglianza con il supermercato era evidente, nonostante la comunicazione di taglio prezzo. Lidl iniziava a muoversi ma con un assortimento differente da oggi. Poi arrivò Aldi e lo scenario improvvisamente cambiò.
 
. Il discount non è solo prezzo. È la prima lezione da imparare. Innanzitutto la superficie di vendita è ridotta di un quarto rispetto ai superstore delle insegne storiche e l’assortimento di un ottavo e anche più: in un simile layout il risparmio di tempo è un’offerta vantaggiosa. C’è sempre il parcheggio, anche se non coperto, è al centro dei quartieri dove opera.
 
. L’assortimento è profondamente cambiato, come il rapporto qualità prezzo delle singole referenze. E poi è cambiata la comunicazione. Lidl e Aldi sono spender di tutto rilievo. I loro spot comparativi con l’IDM sono devastanti e sono un invito alla comparazione e alla prova. Ovviamente la qualità non è allo stesso livello, ci mancherebbe altro, ma è cresciuta nel tempo. L’introduzione dell’ortofrutta, del pesce e del bio e di numerosi brand dell’IDM hanno trasformato profondamente non poco l’offerta merceologica, pack e dimensioni del pack a parte.
 
. Abbiamo visitato diversi negozi di Aldi e Lidl. La pulizia è un item riconosciuto dal personale, come il riordino della merce, soprattutto nel non food.
 
. Le offerte a termine da DeLuxe di Lidl alle referenze non alimentari sono cresciute di qualità nel tempo. I prodotti refrigerati-freschi, anche.
 
. Eppure l’inner cycle di Tesco, Waitrose, Sainsbury’s, Morrison’s (e la sua collaborazione con Amazon Prime) e anche di Coop è stato pesantemente attaccato dai discounter.
 
. Oggi il consumatore UK dispone di una reale scala prezzi di formati che prima non aveva a disposizione. Sceglie dove fare parzialmente o in tutto la spesa. E molte volte sceglie la velocità e l’essenzialità di Lidl e Aldi.
 
. Una lezione da imparare velocemente,
 
 

Fonte: Kantar, maggio 2017.
 
Credito photo: International Supermarket News
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



0 Commenti
Non sono presenti commenti
Ultimo sondaggio 29.06.2018
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

Lidl ha imparato la lezione delle capsule edition. Ma le applica nel grocery
Ricerche
Lidl ha imparato la lezione delle capsule...
LIDL Italia ha riproposto, nelle scorse settimane, la sua linea di prodotti “The italian...
di Marco Usai
10.08.2018
L’Ebit dei discount nel 2025 aumenterà ancora
Ricerche
L’Ebit dei discount nel 2025 aumenterà ancora
Il retail viaggia verso la omnicanalità integrata il brick&mortar è superato. E il discount...
di Luigi Rubinelli
04.08.2018
Ma per il momento Aldi non sta facendo la guerra dei prezzi. In futuro…
Ricerche
Ma per il momento Aldi non sta facendo la...
RetailWatch ha lanciato lo scorso mese di marzo un sondaggio sul sentiment dei retailer versus...
di Luigi Rubinelli
01.08.2018
Prodotti in scadenza: leggete queste due case history
Tendenze
Prodotti in scadenza: leggete queste due case...
Il problema del cibo in scadenza o scaduto è un problema importante che va rubricato sotto le...
di Giovanni Esposito
19.07.2018
Lidl ha imparato la lezione delle capsule edition. Ma le applica nel grocery
Analisi dei prodotti
Lidl ha imparato la lezione delle capsule...
LIDL Italia ha riproposto, nelle scorse settimane, la sua linea di prodotti “The italian...
di Marco Usai
17.07.2018
Ecco le insegne più convenienti del retail italiano: Eurospin, Esselunga, U2 e…
Ricerche
Ecco le insegne più convenienti del retail...
Una recente ricerca di CFI Group sviluppata a Cibus con RetailWatch ha svelato quali sono le...
di Luigi Rubinelli
21.06.2018
La plastica è un problema grave. Il retail italiano non se ne sta occupando
Analisi dei prodotti
La plastica è un problema grave. Il retail...
Mario Gasbarrino, Ad di U2-Unes/Finiper l’8 giugno scorso ha twittato...
di Luigi Rubinelli
15.06.2018
Panetteria e pasticceria in Lidl: libero servizio con bilancia
Merchandising & Promozioni
Panetteria e pasticceria in Lidl: libero...
l libero servizio, la metodologia di vendita che anima prodotti immobili tra scaffali sulla...
di Antonello Vilardi
11.06.2018
Auchan, Lidl e Coop: i clienti decidono sconti e assortimenti
Ricerche
Auchan, Lidl e Coop: i clienti decidono sconti...
Durante il convegno organizzato da Retailwatch.it a Cibus 2018, Luigi Rubinelli si è...
di Marco Usai
04.06.2018
Aldi, attraverso la lente del branding
Analisi di branding
Aldi, attraverso la lente del branding
Aldi è arrivato, con piani importanti di espansione territoriale. Impossibile non fare un...
di Silvia Barbieri
28.05.2018
L’Ebit dei discount nel 2025 aumenterà ancora
Ricerche
L’Ebit dei discount nel 2025 aumenterà ancora
Il retail viaggia verso la omnicanalità integrata il brick&mortar è superato. E il discount...
di Luigi Rubinelli
17.05.2018
Aldi ha aperto 25 dei 40 negozi del 2018
In primo piano
Aldi ha aperto 25 dei 40 negozi del 2018
ALDI, la multinazionale attiva nel settore della Grande Distribuzione Organizzata, ha...
di Eros Casula
15.05.2018
LOADING