Menu
 
Home Retail > In primo piano > AmazonGo: tecnologia ma anche soluzioni per pranzare velocemente. I modelli
AmazonGo: tecnologia ma anche soluzioni per pranzare velocemente. I modelli
04.10.2018
Autore
Luigi Rubinelli Direttore Responsabile
Se digitate AmazonGo su Google e guardate le immagini proposte sembra che l’innovazione sia solo tecnologica e dovuta massimamente alla possibilità di abolire la coda alle casse. Certamente quest’ultimo è un passaggio chiave della superette di Jeff Bezos...


AmazonGo: tecnologia ma anche soluzioni per pranzare velocemente. I modelli

Ottobre 2018. Se digitate AmazonGo su Google e guardate le immagini proposte sembra che l’innovazione sia solo tecnologica e dovuta massimamente alla possibilità di abolire la coda alle casse. Certamente quest’ultimo è un passaggio chiave della superette di Jeff Bezos.
 
Ma oltre all’impatto tecnologico c’è un aspetto che i giornali americani e non solo hanno indagato con leggerezza: l’offerta di prodotti.
 
Visto che nei giorni scorsi Bloomberg ha scritto che Amazon starebbe esaminando la possibilità di aprire 3.000 Amazon Go negli Stati Uniti, è il caso di rifletterci, visto che i prodotti sono al pari della tecnologia importanti nella vendita.
 
I costi di una simile espansione sono proibitivi e pochi potrebbero permetterseli, visto che il flagship di Seattle è costato qualcosa come 450.000 $.
Dopo aver ottimizzato costi e tecnologie utilizzate nell’AmazonGo di Seattle, il gruppo si appresterebbe a investire 1,2 mld di$. Capite bene che sono cifre impossibile per qualunque retailer.
 
I modelli considerati
I modelli di assortimento presi in considerazione da Amazon sono
. 7-Eleven, superette di piccola dimensione, 200 mq con 6,7.000 referenze, aperti 24h, 7gg,
. Pret a Manger, un ristorante, originario dello UK, basato su cibi freschi, ma legati al fast food, da consumare nel pdv o da asportare.
. Whole Foods, la catena che ha comprato lo scorso anno, e che ha già rivisto le presentazioni, obbligatorie, dei corner dei produttori e di tutte le produzioni instore.
 
Il problema allora è tutto organizzativo e logistico.
 
Serve una cucina centrale che fornisca contemporaneamente diverse decine di negozi. La logistica non è un problema, ma l’assortimento si, soprattutto dei freschi pronti da mangiare. Alcuni analisti pensano che la soluzione sia a metà strada fra l’offerta di Pret a Manger e Whole Foods con una sorta di fast-casual restaurant, unito, ovviamente a una robusta offerta di prodotti grocery confezionati, bevande e vini.
 
Tradotto: un restormarket.
 
Sarà interessante vederlo.
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



0 Commenti
Non sono presenti commenti
Ultimo sondaggio 01.10.2018
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

Amazon unisce l’on demand e la fisicità del negozio: il caso 4Star a NY
Scenari
Amazon unisce l’on demand e la fisicità del...
Nel secolo precedente il modello di vendita di qualsiasi ragione merceologica è sempre stato...
di Luigi Rubinelli
17.10.2018
Jeff Bezos/Amazon è populista come Salvini e Casaleggio?
Scenari
Jeff Bezos/Amazon è populista come Salvini e...
Devo dire con onestà che quando alla fine del secolo scorso sentii per la prima volta parlare...
di Luigi Rubinelli
03.10.2018
Amazon apre 4 Stars, negozio fisico di non food, basato sui dati
Buoni e cattivi
Amazon apre 4 Stars, negozio fisico di non food...
E mentre tuti discutono delle aperture di 3.000 Amazon Go alimentari, la Reuter annuncia che...
di Luigi Rubinelli
28.09.2018
Che senso ha la mutualità nel retail all’ombra di Amazon?
Ricerche
Che senso ha la mutualità nel retail all’ombra...
RetailWatch ha più volte parlato dell’allargamento del posizionamento di Conad alla...
di Luigi Rubinelli
27.08.2018
Che senso ha la mutualità nel retail all’ombra di Amazon?
Ricerche
Che senso ha la mutualità nel retail all’ombra...
RetailWatch ha più volte parlato dell’allargamento del posizionamento di Conad alla...
di Luigi Rubinelli
19.06.2018
Oltre AmazonGo: le case history per eliminare le code alle casse
Ricerche
Oltre AmazonGo: le case history per eliminare...
AmazonGo è sotto gli occhi di tutti perché ha eliminato le code per pagare. Il percorso di...
di Giovanni Esposito
17.04.2018
Amazon era conosciuto perchè pubblicava i commenti. Era!
Tendenze
Amazon era conosciuto perchè pubblicava i...
Pubblichiamo questo articolo per ragionare, come sempre facciamo. Abbiamo acquistato La...
di Eros Casula
05.04.2018
Ecco cosa si acquista, come e quando in AmazonPrimeNow
Tendenze
Ecco cosa si acquista, come e quando in...
Amazon ha reso noto gli acquisti su AmazonPrimeNow a Milano...
di Giovanni Esposito
05.04.2018
Le MDD di Amazon arriveranno nel 2019 a 1 mld di $ di vendite
Analisi dei prodotti
Le MDD di Amazon arriveranno nel 2019 a 1 mld...
Amazon ha nel suo portafoglio di assortimenti 34 brand di MDD, le sue marche del distributore....
di Antonio Esposito
01.03.2018
 Aipoly versus AmazonGo. La semplificazione è possibile
Ricerche
Aipoly versus AmazonGo. La semplificazione è...
AmazonGo è fin troppo celebrato, RetailWatch ne ha scritto recentemente (clicca qui per l&rsquo...
di Luigi Rubinelli
15.02.2018
WholeFoods/Amazon nuovi contratti di fornitura e favorisce le dimostrazioni instore
In primo piano
WholeFoods/Amazon nuovi contratti di fornitura...
Whole Foods in versione Amazon sta cambiando le politiche commerciali alla ricerca di una...
di Giovanni Esposito
20.01.2018
Dopo Amazon anche sui sacchetti dell’ortofrutta la GDO è divisa
In primo piano
Dopo Amazon anche sui sacchetti dell’ortofrutta...
L’anno si apre molto male. Dopo aver invocato l’intervento dei politici sulla...
di Luigi Rubinelli
05.01.2018
LOADING