Menu
 
Home Retail > In primo piano > Ecco lo story doing del flagship Lavazza/SanFedele-Milano
Ecco lo story doing del flagship Lavazza/SanFedele-Milano
22.09.2017
Autore
Luigi Rubinelli Direttore Responsabile
In attesa di vedere lo Starbucks/Percassi sempre a Milano è molto utile visitare per capire il cambiamento in atto nel branding, nel retail e nelle cafeterie il flgaship di Lavazza in pzza San Fedele a Milano di Lavazza. Ricordatevi sempre che siamo in presenza di una proprietà famigliare.

Ecco lo story doing del flagship Lavazza/SanFedele-Milano

Settembre 2017. In attesa di vedere lo Starbucks/Percassi sempre a Milano è molto utile visitare per capire il cambiamento in atto nel branding, nel retail e nelle cafeterie il flgaship di Lavazza in pzza San Fedele a Milano di Lavazza. Ricordatevi sempre che siamo in presenza di una proprietà famigliare.
 
La location
Pzza San Fedele è dietro il Duomo e di fronte al Municipio milanese, una zona di passaggio per la colazione (e per gli aperitivi) con frequenze e picchi a seconda dei momenti della giornata. Il caffè del mattino e quello del dopo pranzo la faranno da padrona per capire il senso del branding, del retail e del prodotto impresso da Lavazza a un brand nazional popolare che diventa (quasi improvvisamente) una fonte di experience con la E maiuscola. Il locale è frutto di più unioni di spazi pre-esistenti.
 
Dimenticate allora per un momento Qualità Oro Lavazza (e anche Rossa) per assaporare un cambiamento radicale e un trading up impressionante.
 
Il locale
Locale con 6 vetrine (tutte apribili) e due entrate in un locale che è visivamente (eccome per experience) diviso in quattro parti distinte.
Lo spazio inclusivo e contemporaneo del Flagship Store Lavazza accoglie il cliente alla scoperta di nuove e più tradizionali modalità di consumo di caffè, in quattro aree che prendono forma attorno a un grande banco centrale di forma ellittica, con stile e colori che richiamano la materia prima e che mette in scena tutte le possibili esperienze di caffè conferendo un’atmosfera unica. Spettacolare è lo chandelier situato sopra al banco, ideato come elemento scenico finalizzato a enfatizzare la magia del caffè. La forma complessiva rappresenta un grande chicco di caffè composto a sua volta da 640 chicchi di due dimensioni.
 
La cafeteria tradizionale. L’area Caffetteria, al cui interno è possibile gustare la proposta premium di Lavazza per il canale bar, che comprende la miscela di pregiate origini biologiche Alteco e la special edition Kafa, offre un originale percorso da Nord a Sud attraverso ricette storiche e reinterpretazioni locali dell’espresso, accompagnati inoltre dalle speciali selezioni di cioccolatini artigianali create da Guido Gobino per Lavazza.
 
Il coffee Design. La visita intorno al caffè Lavazza (con varie declinazioni, a nostra giudizio la più potente è la SanFedele in onore della location) inizia con le ricette dell’area dedicate al Coffee Design: esprime la vocazione alla creatività e all’innovazione del brand, che ha dato vita a questa nuova disciplina dove l’avanguardia del food design viene declinata nel caffè per nuove combinazioni di gusto. I caffè e le miscele del Coffee Design sono frutto delle ricerche e sperimentazioni sulla materia prima condotte dal Training Center di Lavazza con la partecipazione di grandi chef dal profilo internazionale, come Ferran Adrià.
Il risultato sono creazioni di caffè uniche che per la prima volta si presentano ai consumatori all’interno del Flagship Store, ma che hanno avuto un lungo percorso di messa a punto nel Training Center del brand di Torino. Come in un  cooking show, si può assistere all’affascinante preparazione e degustare alcune delle ricette di Coffee Design Lavazza, che giocano con l’elemento del caffè fino a trasformarlo ad arte in innovazioni gastronomiche come spume, caviali, cocktail e assaggi diversi per nuove sensazioni gustative, dalla colazione al dessert.
 
La Fresh Roasted. L’area Fresh Roasted dello store è dedicata invece alla scoperta dell’arte della tostatura e della miscelatura, innovazione tutta italiana storicamente introdotta dal fondatore Luigi Lavazza nel lontano 1895. Come nella prima drogheria Lavazza in via San Tommaso a Torino, anche in questo spazio il caffè crudo di alta qualità e freschezza, proveniente dai Paesi produttori di tutto il mondo, sarà trasformato grazie alla special tostatrice di fronte agli occhi dei clienti, che possono scegliere di gustare o acquistare le selezioni delle migliori origini e miscele appositamente selezionate da Lavazza. Dedicato alla città che ospita il Flagship Store, il pregiato blend “San Fedele” – miscela che combina tre speciali origini di Etiopia, Guatemala ed El Salvador - è stato creato appositamente dai maestri della miscelazione Lavazza.
 
Lo Slow Coffee. Uno spazio ulteriore è dedicato alle trasformazioni dello Slow Coffee, dietro cui si nasconde una profesionalità che gli appassionati di caffè potranno ora toccare con mano. Qui si assiste alla pratica di tutti i diversi sistemi di estrazione, dal syphon, alla Chemex, al cold-brew, dal pour over all’aeropress senza dimenticare la più casalinga moka. Espressioni diverse per un unico scopo: esaltare l’eccellenza delle origini e dei blend di caffè.
 
Le estensioni del food e della cafeteria gastronomica. Il Flagship Store Lavazza si complete con la “caffetteria gastronomica”, con un’esclusiva proposta gastronomica
che porta traccia del rapporto ultraventennale che l’azienda torinese ha stretto con la eccellenze gastronomiche: l’offerta food per un menù dolce e salato composto da reinterpretazioni della cucina tradizionale italiana, a cui si aggiungono piatti elaborati accompagnati da diversi tipi di vino che completano l’experience proposta per il caffè.
 

 
Il flagship, come tipologia di negozio, si sa, deve rappresentare il brand, orizzontalmente e verticalmente. Parlare di branding in un flagship significa esplorare la storia, il saper fare, le espressioni del brand nei suo più minimi particolari. Osservateli con calma, dalla tazzina che reagisce al tatto in modo sorprendente, ai cucchiaini, ai tre diversi tipi di banco per ogni area di specializzazione, alle forme di presentazione del menu, alle insigne del flagship (tre diverse insegne raggruppate sotto il brand principale), allo chandelier. Credo che il brand abbia fatto qui in pzza San fedele un impressionante up grading, che parte dal Lavazza Oro, ma che ormai prende le strade di uno story doing inimmaginabile fino a poco tempo fa. Nella tabella qui sotto diamo la nostra rappresentazione di questo radicale cambiamento (Quattro 5, fino ad ora RetailWatch non li ha dati a nessuno...).
 
Il flagship dopo una messa apunto dei molti particolari sarà replicato in altre dieci capitali nel mondo, con un investimento in denaro e in forze aziendali senza precedenti.
 
I dirigenti di Lavazza scuseranno l’ardire di questa unica annotazione: siamo nell’epoca dell iper-offerta. Forse andrebbe semplificata per la troppa segmentazione, anche se c’è bisogno di stupire i clienti. Troppa offerta vuol dire complessità nell’organizzazione generale e particolare e possibilità di sbagliare, che, in un flagship come questo non deve accadere.
 
Il fatturato
Nei flagship, per loro fortuna, il fatturato non arriva al primo posto, che è occupato dal branding e dalla rappresentazione della marca e dall’experience prodotta. Purtuttavia il fatturato è importante: secondo RetailWatch potrebbe arrivare a 2 mio e forse più, con uno scontrino medio superiore ai 4 euro, se abbiamo fatto bene i conti del mix di prezzi di un portentoso menu e delle osservazioni che abbiamo fatto alle casse e le possibilità di consumo al banco e ai tavoli. Vedremo se lo abbiamo azzeccato.
 
La toilette
Durante la visita le due toilette erano in ordine, anche se due spazi, per un simile flagship dove la permanenza in termini di minuti passati nel locale è davvero alta, sono pochi.
 
La sostenibilità del flagship Lavazza, pzza San Fedele, Milano
Coerenza fra il posizionamento e la sua realtà   5
Distintività e rilevanza versus i competitor   5
Rapporto experience-prezzo   5
Sostenibilità   3
Attenzione alle nuove tecnologie e all’innovazione     5
Attenzione ai millenials   3
Attenzione ai senior   5
Creazione di una community   5
Trasparenza   5
 
Scala di valori da 1 a 5, 1 basso, 5 elevato
 
 
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



0 Commenti
Non sono presenti commenti
Ultimo sondaggio 29.06.2018
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

Lush/Milano-viaTorino rinuncia alla plastica
In primo piano
Lush/Milano-viaTorino rinuncia alla plastica
Lush, brand etico di cosmetici freschi e fatti a mano, inaugura venerdì 1 giugno il primo Lush...
di Eros Casula
26.05.2018
Coraggio Sisley-Milano, segnala che c’è la toilette
Mistery Shopper
Coraggio Sisley-Milano, segnala che c’è la...
Il punto di vendita di Sisley di corso Buenos Aires a Milano, è situato in zona centrale...
di Gianna Rubinelli
20.05.2018
Upim/OVS-Milano: un po’ sovraccarico
Mistery Shopper
Upim/OVS-Milano: un po’ sovraccarico
l punto di vendita di Upim in piazza Frattini a Milano è sempre stato un esercizio commerciale...
di Gianna Rubinelli
13.05.2018
SimplyMarket/Milano: bisognerebbe segnalare i percorsi. E poi la Pasqua…
Mistery Shopper
SimplyMarket/Milano: bisognerebbe segnalare i...
Il punto di vendita di Simply Market (Auchan)  in via Arco si trova nel centro storico di...
di Gianna Rubinelli
06.05.2018
Eataly/Smeraldo-Milano rimette mano al layout. Partendo dall’ortofrutta
Buoni e cattivi
Eataly/Smeraldo-Milano rimette mano al layout...
Etaly Smeraldo/Milano ha recentemente rivisto il layout di alcuni reparti chiave come quello...
di Luigi Rubinelli
11.04.2018
Ecco cosa si acquista, come e quando in AmazonPrimeNow
Tendenze
Ecco cosa si acquista, come e quando in...
Amazon ha reso noto gli acquisti su AmazonPrimeNow a Milano...
di Giovanni Esposito
05.04.2018
La toilette di Pull&Bear/Milano è da Zara, fate due passi in più, suvvia…
Mistery Shopper
La toilette di Pull&Bear/Milano è da Zara, fate...
Il flagshi store di Pull&Bear in corso Vittorio Emanuele, è aperto da circa quattro anni...
di Gianna Rubinelli
04.03.2018
Volete vedere la sostenibilità di Lidl? Andate in via Pietro Giordani a Milano
In primo piano
Volete vedere la sostenibilità di Lidl? Andate...
Lidl Italia ha inaugurato un nuovo punto di vendita in Via Pietro Giordani, 30, zona...
di Luigi Rubinelli
27.02.2018
Pam la spesa a casa con Supermercato 24 a Milano, Bologna e Padova
In primo piano
Pam la spesa a casa con Supermercato 24 a...
Supermercato24, il primo player Italiano della spesa online con consegna a domicilio...
di Eros Casula
19.02.2018
Le toilette più belle nei centri commerciali? EasyLife/Milano
Tutti i canali di vendita
Le toilette più belle nei centri commerciali...
Certo, il costo è alto, ma poi nemmeno tanto. Le toilette sono uno dei luoghi pre e post...
di Luigi Rubinelli
16.01.2018
Red CityLife: una nuova leggerezza unita nell’ibrido cafeteria-libreria
Buoni e cattivi
Red CityLife: una nuova leggerezza unita nell...
Red a CityLife si colloca al livello +1 dell’area food, all’interno del...
di Luigi Rubinelli
13.01.2018
KikoID-Milano: l’importanza del lineare, della personalizzazione e della tecnologia
Tutti i canali di vendita
KikoID-Milano: l’importanza del lineare, della...
KIKO MILANO firma il suo KIKOiD, lo store di KIKO in corso Vittorio Emanuele II, 10, ...
di Luigi Rubinelli
06.01.2018
LOADING