Menu
 
Home Retail > In primo piano > Il non food cresce ancora nella GDO, ma non in modo soddisfacente
Il non food cresce ancora nella GDO, ma non in modo soddisfacente
23.09.2018
Autore
Giovanni Esposito Ospite
Sono pochi i comparti in cui le quote di mercato delle GSA sono rilevanti sul totale: anche quest’anno spiccano le categorie dei Giocattoli (34,2%) e della Cancelleria (34,2%), nonostante il peso si sia ridotto progressivamente durante gli anni. Si tratta dei due comparti più piccoli del mercato...
 

Il non food cresce ancora nella GDO, ma non in modo soddisfacente

Settembre 2018. Sono pochi i comparti in cui le quote di mercato delle GSA sono rilevanti sul totale: anche quest’anno spiccano le categorie dei Giocattoli (34,2%) e della Cancelleria (34,2%), nonostante il peso si sia ridotto progressivamente durante gli anni. Si tratta dei due comparti più piccoli del mercato non food e pertanto in valori assoluti le cifre sono, comunque, ridotte. In questi casi gli Ipermercati e i Superstore riescono a sfruttare i grandi flussi di clienti durante alcuni periodi dell’anno (Natale, Back to school, …), intercettandone gli acquisti attraverso ampliamento degli assortimenti e prezzi promozionali.
Sono quattro i settori nei quali le GSA riscontrano nel 2017 un lieve incremento di quote: Abbigliamento e Calzature, Automedicazione, Bricolage e Tessile casa. In tutti i casi con aumenti, comunque, che non vanno oltre il mezzo punto percentuale.
Nel complesso continua, pertanto, la grande crisi che ha colpito il non food all’interno delle GSA. Le cause sono diverse ma vanno ricercate principalmente su tre ambiti: riduzione generale dei consumi nei periodi di crisi, forte pressione concorrenziale delle GSS nell’ambito degli stessi contenitori commerciali e sviluppo progressivo dell’e-commerce e delle vendite digitali in alcune specifiche categorie (homevideo, musica, videogiochi, …).
 
Poca formazione degli addetti
La Grande Distribuzione a prevalenza alimentare ha sempre considerato il non food come un complemento dell’offerta, gestendolo lungo gli assi dell’ampiezza e profondità dell’assortimento, con minimi investimenti sulla formazione del personale dedicato, contrariamente a quanto fatto nel food dove si è capito quanto sia importante coltivare le competenze e i mestieri. Spazi giganti che rimanevano fondamentalmente inutilizzati, visto che il cliente per fare una spesa minima era costretto a fare tantissima strada all’interno delle corsie e perdere tempo all’interno del punto vendita. Tutto questo gigantismo si è rilevato ancora più inutile, quando si è appreso che grazie all’e-commerce esistono infiniti spazi d’offerta all’interno di una piattaforma online.
A fine 2017, le flessioni maggiori di quota riguardano l’edutainment (-0,6 punti percentuali rispetto al 2016) e i piccoli elettrodomestici all’interno del comparto elettronica di consumo (-1,0%). Si tratta di comparti dove per anni gli ipermercati hanno avuto un ruolo rilevante grazie alle proprie offerte promozionali, soprattutto in alcuni periodi dell’anno. L’ascesa dell’e-commerce ha portato la competizione su livelli che mettono le GSA in grossa difficoltà, sia di prezzo sia di estensione dell’assortimento.
Le problematiche evidenziate ormai da anni su queste superfici, anche su categorie che avevano mantenuto un proprio ruolo fino a qualche anno fa (ad esempio i piccoli elettrodomestici), stanno spingendo le aziende a cambiare strategia: in particolare gli spazi vengono sempre più focalizzati su una maggiore profondità degli assortimenti alimentari e su zone destinate a prodotti ready to eat, con aggiunta di aree per il consumo. Nei punti vendita localizzati nei grandi centri commerciali si pensa invece a maggiori trasformazioni: i metri quadrati degli iper lasceranno sempre più spazio alle gallerie commerciali, dove l’offerta di entertainment e consumi alimentari faranno la differenza. 
 
Fonte: Osservatorio Non Food GS1 Italy
 
Scarica qui la tabella dei vari settori delle GSA
 
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



0 Commenti
Non sono presenti commenti
Ultimo sondaggio 01.10.2018
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

Amazon apre 4 Stars, negozio fisico di non food, basato sui dati
Buoni e cattivi
Amazon apre 4 Stars, negozio fisico di non food...
E mentre tuti discutono delle aperture di 3.000 Amazon Go alimentari, la Reuter annuncia che...
di Luigi Rubinelli
28.09.2018
L’Agcm (Antitrust) apre sei istruttorie sul pane di 6 imprese della GDO
In primo piano
L’Agcm (Antitrust) apre sei istruttorie sul...
L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha aperto sei istruttorie nei...
di Giovanni Esposito
27.09.2018
 Il 56% dei consumatori non si fida dei prodotti industriali, sia della GDO sia dell’IDM
Scenari
Il 56% dei consumatori non si fida dei...
In un recente studio di Nielsen (Global health and ingredient-sentiment survey) è possibile...
di Luigi Rubinelli
27.09.2018
 Lanci di prodotto: inefficacia promozionale ma anche miopia di mercato
Analisi dei prodotti
Lanci di prodotto: inefficacia promozionale ma...
La tabella che RetailWatch pubblica in questo articolo merita un momento di riflessione per l...
di Luigi Rubinelli
20.09.2018
 Le GSS del non food vanno abbastanza bene, la GDO al confronto flette
Ricerche
Le GSS del non food vanno abbastanza bene, la...
Nei primi mesi del 2018, dopo il vivace risultato del 2017, le vendite della Gdo italiana...
di Luigi Rubinelli
19.09.2018
Caterina Crepax e l’interpretazione dei brand della GDO e dell’IDM
Analisi di branding
Caterina Crepax e l’interpretazione dei brand...
Il tema dell’edizione de Linkontro-Nielsen 2018 è stato: “Near-future landscapes...
di Eros Casula
16.09.2018
I conti della GDO peggiorano, quelli dell’IDM migliorano
Ricerche
I conti della GDO peggiorano, quelli dell’IDM...
A DISPETTO del positivo andamento delle vendite della Gdo dello scorso anno, nel 2017 non...
di Luigi Rubinelli
13.09.2018
Bassi-Pedroni: Coop è diversa dalla GDO. In tutti i sensi
In primo piano
Bassi-Pedroni: Coop è diversa dalla GDO. In...
La Coop è una cooperativa di consumatori, la sua ragione giuridica, le sue finalità, il suo...
di Luigi Rubinelli
10.09.2018
Assortimenti della GDO in ampliamento. O in ristrutturazione? O…
Analisi dei prodotti
Assortimenti della GDO in ampliamento. O in...
La tabella di IRi è molto chiara: si stanno ampliando gli assortimenti di tutti i canali della...
di Luigi Rubinelli
31.08.2018
Quanto vale il mercato dei freschi al di fuori della GDO?
Analisi dei prodotti
Quanto vale il mercato dei freschi al di fuori...
In Italia i Freschi vengono acquistati in 6 canali distributivi: oltre alla GDO, suddivisa in....
di Eros Casula
25.08.2018
Sconti nella GDO: l’IDM crede che la soglia sia il 42%
Ricerche
Sconti nella GDO: l’IDM crede che la soglia sia...
Qual è la soglia massima entro la quale i clienti della GDO non modificano i loro...
di Giovanni Esposito
18.08.2018
La crisi della GDO è iniziata nel 2004, ben prima della Lehman Brothers
Ricerche
La crisi della GDO è iniziata nel 2004, ben...
Per convenzione, per abitudine, per acquiescenza (o più semplicemente perché non si ha tempo...
di Luigi Rubinelli
15.08.2018
LOADING