Menu
 
Home Retail > In primo piano > L’Agcm (Antitrust) apre sei istruttorie sul pane di 6 imprese della GDO
L’Agcm (Antitrust) apre sei istruttorie sul pane di 6 imprese della GDO
27.09.2018
Autore
Giovanni Esposito Ospite
L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha aperto sei istruttorie nei confronti dei principali operatori nazionali nel settore della Grande Distribuzione Organizzata (Coop Italia, Conad, Esselunga, Eurospin, Auchan e Carrefour) per verificare una presunta pratica sleale a danno delle imprese di ...


L’Agcm (Antitrust) apre sei istruttorie sul pane di 6 imprese della GDO

Settembre 2018. L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha aperto sei istruttorie nei confronti dei principali operatori nazionali nel settore della Grande Distribuzione Organizzata (Coop Italia, Conad, Esselunga, Eurospin, Auchan e Carrefour) per verificare una presunta pratica sleale a danno delle imprese di panificazione. 
I procedimenti, avviati su segnalazione della principale associazione nazionale di panificatori, Assipan-Confcommercio Imprese per l’Italia, sono volti ad accertare eventuali violazioni dell’art. 62 del decreto legge n. 1/2012 che regola le relazioni commerciali nella filiera agro-alimentare. In concomitanza con l’avvio delle istruttorie, alcune delle società interessate dai procedimenti sono state ispezionate dai funzionari dell’Antitrust, coadiuvati dai militari della Guardia di Finanza - Nucleo Speciale Antitrust.
La condotta contestata consiste nell’imposizione, ai propri fornitori di pane fresco, dell’obbligo di ritirare e smaltire a proprie spese l’intero quantitativo di prodotto invenduto a fine giornata. La differenza di valore tra il pane consegnato ad inizio giornata e quello reso a fine giornata viene poi riaccreditata al compratore della GDO sugli acquisti successivi.
La pratica si inquadra in una situazione di significativo squilibrio contrattuale tra le catene della GDO e le imprese di panificazione (imprese artigiane con pochi dipendenti). In tale contesto, l’obbligo di ritiro dell’invenduto rappresenta una condizione contrattuale posta ad esclusivo vantaggio delle catene della grande distribuzione e determina un indebito trasferimento sul contraente più debole del rischio commerciale di non riuscire a vendere il quantitativo di pane ordinato e acquistato. 
La prassi descritta costringe i panificatori a farsi carico, oltre che del ritiro della merce, anche del suo smaltimento quale “rifiuto” alimentare, in quanto l’interpretazione comunemente attribuita alla normativa vigente impedisce qualsiasi riutilizzo del pane invenduto a fini commerciali e persino la sua donazione a fini umanitari con un elevatissimo spreco di prodotto. 
Sotto questo profilo, il fenomeno oggetto dei procedimenti è già stato oggetto di svariate segnalazioni pubbliche da parte della associazione dei produttori di pane, che lamenta non soltanto il carattere “vessatorio” dell’obbligo imposto ai panificatori, ma anche le ampie e negative ripercussioni che esso produce sotto il profilo economico e ambientale.
 
La risposta di Esselunga.
Esselunga dichiara: “In relazione all’istruttoria aperta da Antitrust nei confronti dei principali operatori della GDO per una presunta pratica sleale a danno di alcuni aderenti alle associazioni di panificatori, chiariamo che il pane da noi venduto è per il 95% sfornato direttamente nei reparti dei nostri negozi, cioè non è fornito da panificatori terzi. Siamo certi che l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, nella quale abbiamo piena fiducia e con la quale collaboreremo su ogni aspetto utile a chiarire la questione, saprà valutare la piena correttezza del nostro operato”.
 
Grazie per la lettura

Guadagna un RWcoin

Registrati, accedi al sito e condividi questo articolo su uno di questi social network. Guadagnerai un credito utile per consultare un altro articolo di archivio.

Lascia un commento:



0 Commenti
Non sono presenti commenti
Ultimo sondaggio 01.10.2018
Ricevi i nostri aggiornamenti ogni settimana
Iscriviti alla newsletter
RW Abbonamenti

Il Club

esclusivo

RWcoin

dinamico

Potrebbe interessarti anche...

 Il 56% dei consumatori non si fida dei prodotti industriali, sia della GDO sia dell’IDM
Scenari
Il 56% dei consumatori non si fida dei...
In un recente studio di Nielsen (Global health and ingredient-sentiment survey) è possibile...
di Luigi Rubinelli
27.09.2018
Il non food cresce ancora nella GDO, ma non in modo soddisfacente
In primo piano
Il non food cresce ancora nella GDO, ma non in...
Sono pochi i comparti in cui le quote di mercato delle GSA sono rilevanti sul totale: anche...
di Giovanni Esposito
23.09.2018
 Lanci di prodotto: inefficacia promozionale ma anche miopia di mercato
Analisi dei prodotti
Lanci di prodotto: inefficacia promozionale ma...
La tabella che RetailWatch pubblica in questo articolo merita un momento di riflessione per l...
di Luigi Rubinelli
20.09.2018
 Le GSS del non food vanno abbastanza bene, la GDO al confronto flette
Ricerche
Le GSS del non food vanno abbastanza bene, la...
Nei primi mesi del 2018, dopo il vivace risultato del 2017, le vendite della Gdo italiana...
di Luigi Rubinelli
19.09.2018
Caterina Crepax e l’interpretazione dei brand della GDO e dell’IDM
Analisi di branding
Caterina Crepax e l’interpretazione dei brand...
Il tema dell’edizione de Linkontro-Nielsen 2018 è stato: “Near-future landscapes...
di Eros Casula
16.09.2018
I conti della GDO peggiorano, quelli dell’IDM migliorano
Ricerche
I conti della GDO peggiorano, quelli dell’IDM...
A DISPETTO del positivo andamento delle vendite della Gdo dello scorso anno, nel 2017 non...
di Luigi Rubinelli
13.09.2018
Bassi-Pedroni: Coop è diversa dalla GDO. In tutti i sensi
In primo piano
Bassi-Pedroni: Coop è diversa dalla GDO. In...
La Coop è una cooperativa di consumatori, la sua ragione giuridica, le sue finalità, il suo...
di Luigi Rubinelli
10.09.2018
Assortimenti della GDO in ampliamento. O in ristrutturazione? O…
Analisi dei prodotti
Assortimenti della GDO in ampliamento. O in...
La tabella di IRi è molto chiara: si stanno ampliando gli assortimenti di tutti i canali della...
di Luigi Rubinelli
31.08.2018
Quanto vale il mercato dei freschi al di fuori della GDO?
Analisi dei prodotti
Quanto vale il mercato dei freschi al di fuori...
In Italia i Freschi vengono acquistati in 6 canali distributivi: oltre alla GDO, suddivisa in....
di Eros Casula
25.08.2018
Sconti nella GDO: l’IDM crede che la soglia sia il 42%
Ricerche
Sconti nella GDO: l’IDM crede che la soglia sia...
Qual è la soglia massima entro la quale i clienti della GDO non modificano i loro...
di Giovanni Esposito
18.08.2018
La crisi della GDO è iniziata nel 2004, ben prima della Lehman Brothers
Ricerche
La crisi della GDO è iniziata nel 2004, ben...
Per convenzione, per abitudine, per acquiescenza (o più semplicemente perché non si ha tempo...
di Luigi Rubinelli
15.08.2018
Perché il consumatore non acquista i freschi nella GDO
Analisi dei prodotti
Perché il consumatore non acquista i freschi...
Le ricerche di mercato (Nielsen, IRi, GFK) raramente mettono in luce i perché i consumatori non...
di Luigi Rubinelli
03.08.2018
LOADING